Alternative economiche

È evidente dalle analisi più diffuse del movimento dei giubbotti gialli una grande confusione per le classi sociali. Certamente, questa confusione non risalgono da oggi; Può anche essere rintracciato ai tempi più avanzati del ventesimo secolo nei paesi capitalisti sviluppati. Avevo già emesso prenotazioni in un testo precedente (“la sociologia del caffè commerciale”) sull’uso del concetto di classe media (s), l’oscillazione tra il singolare e il plurale è uno dei sintomi della confusione generale.

Sebbene, al momento, il mio testo ha sollevato l’Ire Louis Chauvel e Louis Maurin, mantengo le mie critiche delle classi medi / i. Perché il movimento dei giubbotti gialli ha nuovamente dato origine a una teorizzazione incoerente. Lascio i geografi per verificare se la mappatura metropolitana / periferica la mappatura teorizzata da Christophe Guilly copre le categorie superiori della clivagine sociale / categorie popolari. La mia preoccupazione è altrove. È nella definizione di concetti di classe popolari e di classe media.

Cosa dice Christophe Guilly, unendo molti commenti attuali? “Le categorie popolari formano la base della classe media”. Ma, inoltre: “La classe media sta scomparendo, a causa della globalizzazione e della metropolita, che escludono le categorie popolari”. O: “I” Gilet gialli “, i” Caps rossi “, i movimenti populisti, la penna, Trump, Brexit, è una sociologia. È la vecchia maggioranza di maggioranza. (…) nel verificarsi di categorie popolari – I lavoratori, i dipendenti autonomi, ecc., Che non sono più economicamente integrati, politicamente e culturalmente. Come è stata la classe media ieri. “

Quali problemi mette questa” classificazione “? Un’unicità teorica?

In primo luogo, c’è un’assimilazione della classe media alle categorie popolari o viceversa. Di due cose Uno: o c’è qualcosa di “sotto” la classe “medio-popolare”, e cosa può essere sociologicamente con poveri lotti che le classi popolari? O non c’è niente di seguito ed è il concetto di “media” che diffonde il suo vuoto teorico.

Vediamo l’uso politico che è fatto di questa confusione. Con il SMIC facciamo parte della classe media! Il viaggio pass-pass è completo. Nel suo marzo 2018, l’osservatorio delle disuguaglianze inizia le classi medie a 1265 euro al mese di standard di vita per una singola persona. A malapena sopra la linea di povertà definita al 60% del reddito mediano.

" "

Avanti, questa “classificazione” come se Non abbiamo avuto statistiche affidabili sulla composizione della popolazione e in particolare la popolazione attiva. Studio dopo lo studio, conteggio inserito, in Francia, lavoratori e dipendenti che rappresentano quasi la metà della forza lavoro. Se aggiungiamo una buona parte delle cosiddette categorie intermedie i cui livelli di qualifica e stipendio sono bassi o modesti, è più del 60% della popolazione attiva che attira il contorno delle classi popolari nella propria direzione. Sapere che lo standard medio di vita a persona è di 1710 euro al mese. Inoltre, Louis Maurin, direttore dell’Osservatorio delle disuguaglianze, sfida l’idea della scomparsa delle classi popolari e afferma che “la Francia è lontana dall’essere” medie “.

Fondamentalmente la classe media ) Il concetto oggi svolge un ruolo speciale nella sociologia, lontano da quello che è il suo inventore, Max Weber (vedi il mio testo precedente referenziato sopra), ha affermato. Questo ruolo è quello di far scomparire il proletariato dei dipendenti, un concetto troppo pericoloso per l’ideologia dominante. Allo stesso tempo, anche scompare anche il suo vis-à-vis, il borghese che maesterà tutti i modi per produrre il materiale e le condizioni culturali della vita. Esistono praticamente solo “significa” se continuiamo il più ricco dell’1% o dello 0,1%. La sottigliezza (il sotterfugio) consiste nel distinguere la / e classe (s) inferiore (s) e le classi medie più elevate, e quindi … (la) media della classe media!

Cosa è stato adottato per una scomparsa del proletariato dei dipendenti e le frazioni più sfruttate e dominate di questo è in realtà una rappresentazione di questo proletariato dei dipendenti, derivante dalla profonda trasformazione del lavoro, dalle sue condizioni, alla sua organizzazione, alla sua distribuzione attraverso i territori (da un punto di vista nazionale e globale).Molto spesso, l’ascesa del fenomeno Uberder è interpretato come una crescita del lavoro autonomo e quindi una riduzione del salario. Infatti, è un rinnovamento delle forme di sfruttamento e dominio che riproduce lo stato della subordinazione del lavoratore al suo datore di lavoro, anche sotto la spinta del subappalto.

candeggina del proletariato. Divisione la cui divisione è rafforzato dai molteplici abusi contro il diritto del lavoro, i diritti sociali, i servizi pubblici, in breve, contro ciò che potevano “rendere la società”, nonostante la riproduzione di disuguaglianze e relazioni spesso forza spesso sfavorevole per la maggior parte dei lavoratori.

La contraddizione di Questa classificazione diluita le classi popolari in una o più lezioni medie appare quando i suoi teorici hanno ancora diagnostica una “lotta di classe”. Come potrebbe esistere una lotta di classe quando c’è solo una media o una media? Lotta tra chi e chi dal momento che il concetto di classe è dialettico, vale a dire che una classe è concepita solo da un’altra? Greduremo la risposta a questa obiezione: i flat di classe media (NT), scompaiono (ISSEN) T nel popolare / i. In altre parole, la prima volta: il popolare / i si scioglie (ENT) nella media (s); Seconda volta: la media (s) si scioglie (ENT) nei popolari (s). Tutto ciò non ha senso e testimonia una miopia storica, credendo di discernere il movimento a lungo termine nei joli contingenti.

Concentrandosi sulla classe media (s)), abbiamo confuso la scomparsa di classi sociali con l’aumento complessivo di standard di vita, istruzione, salute, a causa del generale e progressivo sviluppo economico e sociale.

Un errore storico?

È comune ascoltare o Leggi che la classe media (a) ha (a) il sottoscocca della democrazia. Niente è sbagliato. Tutti i progressi della democrazia per due secoli sono stati portati da lotte sociali, principalmente le lotte dei lavoratori, in periodi storici sconvolti da rivoluzioni, guerre e crisi. È (lo è) la classe media (s) che ha (a) gradualmente imposto la Repubblica? No, ci è voluto quasi un secolo per questo per essere sicuramente installato, un secolo smaltato dal restauro, due imperi, diversi colpi, le rivoluzioni del 1830, 1848, 1871. Un secolo in cui la (la classe media / i ha (a) non ha giocato alcun ruolo poiché non esiste (in), mentre la borghesia in aumento era riluttante a liberare chiaramente i vecchi quadri politici e istituzionali, e affidamento sui proponenti della proprietà della terra e delle masse contadine per reprimere tutte le rivolte dei lavoratori , prima di acconsentire alla Repubblica.

è (lo è) il (la classe media (i) che ha imposto la costruzione della protezione sociale, un sistema sanitario collettivo e un sistema pensionistico al di fuori del costo del capitale Stress di efficacia? In nessun modo. Questi sistemi nascono da conquiste sociali o per paura di rivolte più forti (ad esempio la creazione di Bismarck di un primo piano pensionistico in Germania).

è (lo è) la classe media (s) Imposse il riconoscimento del diritto di colpire nel 1864, dell’esistenza dei sindacati nel 1884 e il sindacato in azienda nel 1968? È (lo è) la classe media (s) che ha pensato all’istituzione della tassa “secondo le capacità di ciascuna” nel 1789 e successivamente sulla tassa progressiva sui restituiti? Fai queste domande, è di rispondere.

Infine, è (lo è) la classe media che ha portato in Francia ai rivolti fascisti nel febbraio del 1934, che voleva tempestare l’Assemblea nazionale? Per nulla, è essenzialmente le forze sindacali (CGT e CGTU al momento). Viceversa, nei paesi in cui il fascismo ha trionfato in Europa nel periodo interrereria (Germania, Italia, Spagna), è grazie al raduno degli strati sociali intermedi o addirittura popolari, che sono stati minimizzati dalla crisi, o la cui proprietà è apparsa A loro minacciati.

appare quindi, sia teoricamente che storicamente, che il concetto di classe media è davvero gravemente assicurato, per capire il passato e anche il presente. Oggi non rappresenta la trasformazione radicale subita dalle società perché guidata dalle dinamiche del capitalismo neoliberistico.I giubbotti gialli riflettono probabilmente l’aspetto contraddittorio di questa radicalità: una comprensione diffusa ma sempre più precisa dell’impossibilità di vivere in un mondo in cui il minimo spazio della visibilità sociale è ostruito, e, allo stesso tempo, un totale di cecità sul La profonda causa del sradicazione sociale poiché il faro è messo sullo stato e il suo governo, lasciando l’ombra i datori di lavoro, gli azionisti e tutti i titolari del potere economico e finanziario.

Il licenziamento della risoluzione di tutti I problemi sociali a livello individuale (ognuno decide di occupare un lavoro o non attraversando la strada o rimanendo al limite, per ottimizzare il suo corso di formazione calcolando i suoi costi e benefici, per lasciare ritiro quando desidera, ecc.) una rivolta, ma una rivolta in parte deceduta, non perché le classi sociali sono scomparse, ma poiché la classe dominata ha sofferto, e subiò, per più di quattro decenni, uno di SFONDO. Sconfigurare, compresa la difficoltà dei sindacati, in Francia, ma anche altrove, per erigere un contrafforte contro gli attacchi anti-sociali, è un segno, meno di una lezione, di una scomparsa della classe proletaria, quella di un inquadramento di questo perché I luoghi e i momenti della costituzione della sua esistenza socio-culturale (la sua coscienza ha detto precedentemente) sono stati gradualmente dissolti. I centri commerciali alla periferia delle città non sono luoghi “sociali”, sono solo luoghi in cui riempiamo i carrelli di merci, feticci.

La presunta scomparsa delle classi in sociologia ha il suo corollario in politica: La clivaga sinistra / destra sarebbe scomparsa. Ancora una volta, è una confusione tra, da un lato, una scollatura rivolta a una politica favorevole per le classi popolari e una politica favorevole alle classi borghesi, e dall’altra, una scollatura partigiana, in vista dal rally dei siti sedici La sinistra ai dogmi liberali di feste apertamente di destra.

Sociologia è uno sport da combattimento, ha detto Bourdieu. La sociologia della classe media (s) elimina i combattenti. Tranne che ci sono alcuni che guadagnano la lotta … come il rapporto capitale / lavoro è ormai trascurato, non c’è altro che capitale a cui tutto è ridotto: materiale per la natura sociale, simbolica e natura. La sociologia e l’economia ben pensante finalmente si incontrano! Long Live Interdisciplinarità!

Christophe Guilly, “i giubbotti gialli testimoniano un conflitto di classe”, la vita, il 22 novembre 2018.

Osservatorio di disuguaglianze, “Classifiche ricche, povere e medie : Come sitare? “, 2 marzo 2018.

per una critica della linea di povertà definita al 50% del reddito mediano, come l’avvocato dell’Osservatorio delle disuguaglianze (relazione sulla povertà in Francia, Ottobre 2018), vedi Didier Gelot, “cambia la misura della povertà: una falsa idea”, 23 ottobre 2018.

louis maurin, “lezioni sociali: fine-falso fine dei lavoratori”, 31 maggio , 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *