Chi Emro |. Meningite |. Temi sanitari

La foto ci mostra un adolescente che indossa un bambino in braccio un contatto stretto e prolungato con una persona infetta promuove la propagazione del malattia. Credito fotografico: Omsla Meningitis è un’infiammazione delle meninge che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Di solito è causato da un virus o batteri (meningococal). La trasmissione batterica avviene da gocce di secrezioni respiratorie o faringee. È più spesso dovuto a un’infezione (batterica, virale o fungina), ma può anche essere causata da irritazione chimica, emorragia subaracnoidea, cancro e altre malattie.

I diversi batteri possono causare meningite. La trasmissione batterica avviene da persona a persona da goccioline di secrezioni respiratorie o faringee. Contatto chiuso e prolungato (bacio, starnuti e tosse), o promiscuità con una persona infetta (durata del dormitorio, raggruppamento di posate o bicchieri) promuove la diffusione della malattia.

I sintomi più comuni sono: rigidità del collo, febbre alta, fotofobia, stato confusionale, mal di testa e vomito. Anche quando la malattia viene diagnosticata molto presto e che il trattamento appropriato è stabilito tra il 5 e il 10% dei pazienti generalmente muore entro 24 a 48 ore dopo l’aspetto dei sintomi.

Monitoraggio avanzato per il rilevamento anticipata, la conferma dei focolai epidemici, la gestione dei casi e una campagna di vaccinazione reattiva (con il vaccino adattato) costituiscono le principali misure di prevenzione e controllo efficaci. Per la meningite di meningite meningococcali.

Sudan è l’unico paese nella regione nella cintura africana della meningite. Epidemiche su larga scala sono state riportate in Sudan nel 1950-1951, 1978-1979, 1988-1989, ed EN1998-1999. Una diminuzione del numero di casi coincide con la progressiva introduzione nel paese, nel 2012, un nuovo vaccino coniugato contro la meningococcus A. Le campagne di vaccinazione di massa da parte del vaccino coniugato di meningococcal sono state implementate con successo in tutto il paese nel 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *