Coccidioidomycosis: L’Università dell’Arizona ottiene 4,8 milioni per sviluppare un vaccino canino

La ricerca per prevenire la coccidoidomizzazione nei cani beneficerà di una sovvenzione di $ 4,8 milioni concesse da NIH .

Oltre alla ricerca atlantica per prevenire la coccidoidomizzazione nei cani beneficerà di una sovvenzione di $ 4,8 milioni concessi dal National Institutes of Health. Questo finanziamento consentirà ai ricercatori degli Stati Uniti a sviluppare il candidato del vaccino Delta-CPS1 su cui hanno lavorato per anni. Testato con successo nel topo, il vaccino del cane potrebbe essere inserito sul mercato entro cinque anni. A lungo termine, l’obiettivo è sviluppare un vaccino per prevenire la malattia negli esseri umani.

Attualmente non vi è alcuna misura di prevenzione o un trattamento efficace contro la coccidoidomizzazione, conosciuta anche sotto il nome della febbre della valle o della febbre deserta . Ogni anno, circa 200.000 persone sono infettati. Solo in Arizona, 30.000 persone e 60.000 cani contractano questa infezione fungina ogni anno. Potenzialmente fatale nell’uomo e nel cane, ha causato la morte di circa cinquanta persone in questo stato americano l’anno scorso.

l’immigis del fungo coccidioid all’origine del La malattia avviene principalmente nelle aree aride e desertiche degli Stati Uniti occidentali e del sud-ovest (Arizona, California, Texas, New Mexico, Nevada, Utah), ma anche nelle calde regioni di diversi paesi centrali e sudamericani. Questa mycosis endemica, derivante dall’inalazione delle arthespore presenti nei terreni del deserto, influisce per la prima volta il tratto respiratorio. Inspire un singolo spore da infetto. Ma, come negli esseri umani, la maggior parte dei cani che contraggono la febbre della valle rimangono asintomatici.

In coloro che sviluppano la malattia, i segni clinici non sono molto specifici: una tosse grave, un ipertermia, una perdita di peso e Appetito, un letargo. Questi sintomi possono evolversi rapidamente verso la polmonite grave. Non è raro che l’infezione propagarsi ad altre parti del corpo o degli organi (membri, linfonodi, pelle, ossa del collo e posteriore, ecc.), O addirittura sistemica e cronica. La perdita di peso può essere estrema nei cani raggiunta, associata a atrofia muscolare e zoppia. In alcuni casi, vengono osservate convulsioni e paralisi. Questi sintomi, dolorosi, di solito si verificano tre settimane dopo l’esposizione al fungo. Gli animali colpiti non sono contagiosi per i loro congeneri o per gli uomini.

I costi veterinari indotti dalla malattia sono alti. Il trattamento è costoso (da 4 a $ 6 al giorno di droghe antifungali) e deve, in alcuni casi, essere proseguita per la vita. Aggiunto a analisi sierologiche, recensioni di immagini e altre biopsie, le spese sanitarie generate possono rappresentare diverse migliaia di dollari all’anno e far crescere alcuni proprietari per chiedere l’eutanasia del loro animale.

il vaccino delta -cina -CPS1 ha subito prove ampie il topo. Il finanziamento è diminuito dell’Università Arizona sarà utilizzato per lanciare i primi studi clinici del cane. Il candidato vaccino sarà principalmente testato nei cani dall’Arizona, così come in California. È già previsto per rendere il suo prezzo accessibile. Ma anche se costa $ 100 per animale, l’immunizzazione rimarrà molto meno costosa del trattamento richiesto al momento. Il protocollo vaccinale (frequenza, promemoria) rimane da determinare. Allo stesso modo, vengono testati diversi reagenti per garantire l’efficacia e la redditività del vaccino futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *