Diritti delle donne sono diritti umani, universali e indivisibili


Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza per quanto riguarda le donne, facciamo mobilitare, tutti!

In tutto il mondo, stupro, molestie sessuali, violenza domestica, matrimoni forzati, crimini “d’onore”, mutilazione genitale: tutte queste violenze costituiscono una grave violazione dei diritti fondamentali delle donne e delle ragazze e delle ragazze e delle ragazze . Un importante ostacolo al conseguimento dell’uguaglianza tra donne e uomini. La violenza è costruita su un continuum di comportamenti sessisti e pratiche, inaccettabile, probabilmente per causare danni o sofferenze di una natura fisica, psicologica (insulti, critiche permanenti, umiliazione … ), sessuale (stupro, aggressione, molestie …) o economico (confisca di salario o documenti amministrativi, mancato pagamento delle pensioni alimentari …).

La violenza contro le donne e le ragazze non sono né private Affari né vari fatti e, contrariamente alle idee ricevute, non si svolgono esclusivamente nella sfera familiare (violenza domestica e intrafamily). Risparmiano qualsiasi ambiente, nessun territorio, nessuna generazione, nessuna nazionalità, nessuna religione. Non cedere ai discorsi conservativi e razzisti degli estremi dritti che denunciano questa domanda sempre dalla prospettiva “etnica”.

Come il preambolo della convenzione di Istanbul, la violenza al rispetto delle donne è una manifestazione di Storicamente ineguali rapporti di potere tra donne e uomini che hanno portato al dominio e alla discriminazione delle donne da parte degli uomini, privando le donne della loro piena emancipazione. La presente Convenzione, ratificata dalla Francia nel 2014, rafforza la protezione e i diritti delle donne e stabilisce le misure preventive, legislative, legali, sociali, protettive o restaurative che gli Stati firmatari si impegnano ad agire per agire sia a monte che a valle. Obbliga gli Stati ad agire concretamente integrando le applicazioni di questo testo nelle leggi nazionali.

Per la lega dei diritti umani, agire contro la violenza, è:

– Protezione delle donne da tutti Paesi, in “pace” come in guerra, accompagnarli e li aiutano di nuovo diventare soggetti di legge;

– educare e allenare in tenera età di uguaglianza per prevenire il comportamento sessista;

– Finanziamento delle azioni in modo sostenibile, tra l’altro associativo, che lavora contro la violenza;

– Estendere il campo della formazione iniziale e continua degli attori interessati (insegnanti, avvocati, medici, giudici, agente di polizia. .);

– Chiedere al governo francese di applicare tutte le misure previste dalla Convenzione di Istanbul e rafforzare le persone già prese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *