I nervi cranici inferiori: ix, x, xi, xii


astratto

i nervi cranici inferiori innervaci la faringe e la laringe del glossofaringeo (CN IX) e dei nervi vaghi (cn x) (misti) e forniscono l’innervazione del motore dei muscoli del collo da parte del nervo accessorio (CN XI) e della lingua del nervo ipoglossal (CN XII ). La sintomatologia provocata da un’anomalia è spesso discreta e raramente in prima linea. Come con tutti i nervi cranici, il contesto e gli esami clinici, in caso di sospetto di compromissione dei nervi cranici inferiori, sono determinanti nel guidare l’imaging. In effetti, la menomazione può essere posizionata nel gambo del cervello, nelle cisterne peribulbar, nelle forami o anche negli spazi profondi del viso. La localizzazione clinica del probabile sede della lesione aiuta a scegliere il protocollo adattato in mri e alla fine lo completa con una scansione CT. Nella lampadina, la patologia intra-assiale è dominata dall’ischemia del cervello (in particolare, con la sindrome di Wallenberg) e la sclerosi multipla. La patologia cisterna è tumorale con due tumori, schwannoma e meningioma. L’evento è molto più basso rispetto ai nervi cooclavibolari e ai nervi leptomeningali (infettivi, infiammatori o tumorali). Infine, Foramen Patologia è tumarale con, al di fuori dei soliti Schwannomas e meningiomas, Paragengliomi. Per i radiologi, equamente esitante ad esplorare queste coppie craniche inferiori, è necessario avere familiarità con (o relipart) l’anatomia, padroneggiare la tecnica esplorativa ed essere consapevole delle possibilità diagnostiche.

Le texte complet de cet Articolo EST Dispositivo IT PDF.

Parole chiave: coppie craniche inferiori, risonanza magnetica, paraganglie, schwannoma, meningioma

Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *