Inquinamento: navi da crociera più dannose per loro da sole rispetto alla flotta europea

Questo è un fatto sottolineato dall’organizzazione Trasporto & ambiente (T &

e): le versioni e le emissioni di navi giganti inquinano molto.

la crociera inquinata

Le figure dello studio pubblicate dall’organizzazione europea TRASPORTO & Ambiente
Sono più di un camion di Carnival Corporation, il principale operatore di crociere di lusso nel mondo – proprietario tra gli altri Costa Cruises e Princess Cruises – sono emessi nel 2017 quasi dieci Times più ossido di zolfo lungo la costa europea che l’intera automobile flotta nel continente (1). O dall’inquinamento come le 260 milioni di auto che circolano in Europa.

Il rivestimento di crociera Fireproots inquina dieci volte più del set della flotta di auto europea. © Datenschutz-Stockphoto

Comunicati che contribuiscono su larga scala all’acidificazione dei circoli terrestri e acquatici, secondo questo raggruppamento collettivo circa cinquanta onni di trasporto e ONG ambientali. Per quanto riguarda il secondo operatore di crociera, Royal Cruises Caribbean, è la causa di quattro volte più emissioni che tutte le auto del territorio europeo. E persino banchina, una barca di 2.500 passeggeri continua a ruotare i suoi motori a nutrire le sue reti elettriche, emettendo tante particelle fini, ossidi di zolfo o azoto in un giorno di 12.000 auto …

il più sporco Carburante

Queste emissioni sono pericolose sia per l’uomo che la fauna e la flora. Secondo questo rapporto di T & E, i paesi europei più esposti a questo inquinamento atmosferico sono logicamente le prime destinazioni turistiche servite da questi giganti dei mari: la Spagna, l’Italia e la Grecia, Seguito dalla Francia e dalla Norvegia.

Le città di Barcellona, Palma di Maiorca, Venezia, Roma e Southampton sono le più colpite da questi inquinamenti. A Marsiglia, il capitano della nave Azura ha persino visto lo scorso novembre di una multa di 100.000 euro per non aver rispettato gli standard di inquinamento atmosferico.

Le destinazioni turistiche europee sono particolarmente influenzate dall’inquinamento atmosferico delle navi da crociera. © Ana del Castillo

Ma oltre la giganteria delle navi, le ONG comportano anche la bassa qualità dell’olio combustibile pesante non raffinato utilizzato da queste pale. Infatti, questo combustibile usato sia dalle linee di crociera che dai carichi è estremamente accusata di particelle di carbonio e zolfo. Ricordiamo che alcuni paesi, impongono meno rigorosi standard di composizione del carburante.

“Le navi da crociera di lusso sono le città galleggianti alimentate dal carburante più sporco, denuncia la figura Abbsov, responsabile della politica marittima a T & E (2). Le città proibiscono giustamente le auto diesel sporche, ma danno un passaggio libero alle compagnie di crociera che emettono fumi tossici per danni incommensurabili a quelli a bordo che sulle rive sono nelle vicinanze. È inaccettabile. “Allora quando Un porto Norm Zero Emissione in Europa.

da leggere anche:

  • Viaggiare in carico, un design diverso del viaggio
Illustrazione Banner: Veduta aerea di una nave da crociera – © Denis Bevelsky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *