Monitoraggio della sindrome metabolica indotta da antipsicotica atipica: raccomandazioni e prospettive farmacogenetiche

Introduzione

Il L’arrivo nel mercato degli antipsicotici di seconda generazione (il cosiddetto “atipico”) ha rappresentato progressi significativi nel trattamento delle psicosi. In confronto con antipsicotici di prima generazione, la risposta al trattamento dei disturbi dello spettro di schizofrenia è stato migliorato. Questi antipsicotici hanno un’efficienza paragonabile a quella delle tipiche neurolettici sui sintomi positivi e meno tendenza ad aggravare sintomi negativi o inducendo effetti collaterali, in particolare gli extrapyramidals.1 come risultato, raccomandazioni attuali e nordamericane, offrono antipsicotici atipici come farmaci premium nel trattamento di schizofrenia e altri disturbi psicotici. Tuttavia, le pubblicazioni recenti hanno dimostrato che la propria prescrizione può portare a una sindrome metabolica con un guadagno di peso a volte significativo, una modifica dell’indice di massa corporea (BMI), obesità addominale, un’alterazione del profilo lipidico e glicemico e / o ipertensione. Il consenso pubblicato da varie società mediche sottolinea l’importanza del follow-up efficace e attento degli effetti collaterali indotti da questo farmaco, in particolare la sindrome metabolica.2-4 A seguito di tali raccomandazioni, è stata istituita una direttiva per il follow-up clinico di I pazienti del dipartimento di psichiatria del chuv che ricevono un antipsicotico atipico.

Antipsicotici Atipici e sindrome metabolica

Gli studi mostrano una prevalenza da due a quattro volte superiore a problemi metabolici e una doppia morti di prevalenza dovuta a a Problema cardiovascolare in una popolazione di pazienti schizofrenici rispetto alla popolazione generale.5 Le malattie cardiovascolari rappresentano una delle principali cause della mortalità in eccesso nei pazienti con schizofrenia.5.6 Questa eccesso mortalità., Associata a una maggiore prevalenza dei fattori di rischio cardiovascolare (obesità, dislipidemia, Diabete, ipertensione, in attività fisica, fumo), è in parte legata alla malattia e ai comportamenti che possono essere associati a essa, ma anche in gran parte, per l’uso di antipsicotici.7.8 Nonché a molte pubblicazioni recenti mostrano che il trattamento con olanzapina e clozapina e, a un minore E misura, con quetiapina e risperidone, provoca il guadagno di peso associato a disturbi metabolici come iperglicemia, ipercolesterolemia e ipertrigyceridemia. Questi effetti, tuttavia, non sono stati osservati con l’Aripiprazolo.9 Diverse revisioni della letteratura sul guadagno di peso e la sindrome metabolica indotta da antipsicotici atipiche sono stati pubblicati.9-12

Raccomandazioni sul follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up del follow-up Sindrome metabolica

La procedura pratica per rilevare il verificarsi di disturbi metabolici è nel contesto di un’assistenza più ampia della salute fisica dei pazienti che soffre di disturbi psichiatrici in generale e psicosi in particolare. Le linee guida per il monitoraggio degli effetti collaterali metabolici sono descritte nella tabella 1. Questo diagramma viene utilizzato quando si stabilisce un trattamento antipsicotico atipico o durante un cambio di trattamento antipsicotico. In quest’ultimo caso, consideriamo il momento effettivo il momento effettivo del cambiamento, prima di iniziare la traversata tra i due farmaci. Dopo il primo anno, se i valori sono stabili e negli standard, i controlli verranno effettuati circa una volta al trimestre o una volta all’anno.2.3 dei valori limite sono stati definiti per la sindrome metabolica (tabella 2). 13

tabella 1

Raccomandazioni sul follow-up della sindrome metabolica nei pazienti che ricevono antipsicotici atipici (AA)

Famiglia e personale Storico, IMCB Tour di Dimensione Blood Glycemec Profilo Lipidicec, D Front Anteriore AA XXXXXX 1 mese x 2 mesi x 3 mesi xxxx 1 x trimestre x 1xan xxxx (x) Una famiglia storica e personale su: Obesità, Diabete, dislipidemia, ipertensione o problemi cardiovascolari. B IMC: indice di massa corporea: peso (in kg) / size2 (in m2). Un IMC da 25 a 30 è sinonimo di sovrappeso, maggiore dell’obesità e superiore a 40 obesità morbosa. C an. Profilo lipidico: colesterolo totale, HDL, LDL e trigliceridi. (X) Per i pazienti con un profilo lipidico naturale, si consiglia una misura ogni cinque anni.

Tabella 2

Caratterizzazione della sindrome metabolica (presenza di tre dei seguenti elementi)

tour della dimensione delle donne > 88 cm Uomo > 102 cm TRIGLYCERIDE DONNE > 1.54 mmool / uomo > 1, 82 MMOL / L Cholesterolo HDL Women < 1.3 MMOL / UOMINI < 1.0 mmol / l Tensione del sangue > 130/85 mmHg Glucosio nel sangue (su un vuoto) > 5,8 MMOL / L

I controlli più frequenti rispetto a quelli menzionati nella tabella 1 possono essere considerati a seconda dello stato clinico del paziente, dei risultati dei controlli dei parametri clinici e biologici (vale a dire caso di obesità, iperglicemia, iperlipidemia, ecc.) A CER Associazioni farmaceutiche Taine (ad esempio, requisiti di commento che possono indurre il guadagno di peso o sindrome metabolica come valproato, litio o mirtazapina). Va notato, tuttavia, che alcuni antipsicotici convenzionali possono anche indurre un aumento significativo aumento di peso.11 In generale, è incoraggiato un coinvolgimento del professionista generale della concessione, in modo da promuovere un quadro di monitoraggio ottimale di questo aspetto del trattamento.

È consigliabile, come precauzionale, ma in ogni caso durante un aumento uguale o superiore al 5% del peso iniziale, o in caso di modifiche significative e sostenibili del glicemia e del profilo lipidico, per stabilire misure di igiene della vita (regime, Attività sportiva, Consultazione dietetica) .2 Durante tali alterazioni, il rischio / beneficio è inoltre analizzato (ad esempio, il rischio di ricaduta della malattia psichiatrica rispetto a una lunga durata del rischio cardiovascolare) al fine di valutare l’indicazione di un cambiamento di farmaci . Nella valutazione del rischio cardiovascolare, la dimensione è il parametro correrente migliore con questo tipo di rischio. Tuttavia, l’uso del BMI rimane interessante, in particolare per i pazienti con contatto fisico recipcenti collegati alla misurazione del loro turno.

Altri controlli eseguiti durante il follow-up

in presenza di effetti collaterali o mancanza Di risposta al trattamento, si consiglia la misurazione del tasso plasmatico del monitoraggio antipsicotico (terapeutico del monitoraggio dei farmaci). Questo tasso consente di verificare la presenza di un particolare metabolismo (ad esempio, il metabolismo ultra-veloce o il metabolismo carente) o per controllare la conformità.15 È utile ricordare che il non conformità con il trattamento farmacologico può raggiungere un tasso di 50 % Al 60% ad esempio nei pazienti schizofrenici.16 A tale riguardo, il verificarsi di effetti collaterali come un aumento significativo aumento del peso è un fattore di rischio significativo per la scarsa o la non conformità.

Controlli più frequenti come mostrato in La tabella 1 è richiesta per determinati farmaci (ad esempio, il controllo della formula del sangue dovuto al rischio di agranulocitosi per clozapina). Altri effetti collaterali particolari richiedono un follow-up specifico. Pertanto, alcuni antipsicotici, come il risperidone o l’amisulpride, possono portare a iperprolattinemia i cui segni evocativi sono disturbi sessuali, la modifica del ciclo mestruale o l’aspetto di una galactRhea. È importante, in tali casi, escludere una causa somatica (adenoma). Un controllo del livello del sangue di prolattina è indicato ogni volta che sono presenti tali sintomi clinici. Se l’antipsicotico è all’origine di tali effetti indesiderati, è consigliabile valutare l’indicazione per cambiare antipsicotico. D’altra parte, alcuni antipsicotici sono noti per la loro tendenza a indurre modifiche a ECG. Si consiglia un controllo ECG per alcuni antipsicotici (ad esempio, Pimozide) o obbligatorio per gli altri (ad esempio, Droperidol, crimplotto) dovuto al rischio di estensione dell’intervallo QTC. Alla presenza dei fattori predisponenti per un’estensione dell’intervallo QTC (congenito, malattia cardiaca, copR di farmaci a rischio, ipokalemia, ecc.), Si consiglia di evitare questi farmaci. In caso di intervalli di QTC prolungati (> 450 MSEC in UOMINI, > 470 msec nelle donne), dovrebbe essere pianificata una consultazione con un cardiologo . La Tabella 3 elenca altri effetti collaterali associati all’assunzione di antipsicotici atipici.

tabella 3

altri effetti collaterali indotti da antipsicotici atipici (elenco non esaustivo)

effetti collaterali Prolungamento pertinente antipsicotica dell’intervallo Qt • Agranulocitosi di stintle • Hyperprolattinemia di clozapina • Risperidone • Diminuzione dell’amisulpride della soglia epilettogenica • Clozapina

ruolo della genetica nel verificarsi di una sindrome metabolica sotto il trattamento antipsicotico

la variabilità interindividuale nel guadagno di peso indotto da un farmaco è a Realtà ben nota dei prescrittori. Può essere spiegato da fattori ambientali (età, cibo, comedia, ecc.) Ma anche da fattori genetici. Negli ultimi anni, gli studi farmacogenetici hanno evidenziato il coinvolgimento di diversi geni in aumento di peso e alterazioni metaboliche indotte da antipsicotici atipici. Diversi meccanismi possono svolgere un ruolo nell’emergenza di una sindrome metabolica sotto trattamento antipsicotico.

Influenza dei livelli di droga del plasma

Citocromici P450 (CYP) Gli enzimi (CYP) sono principalmente responsabili del metabolismo e quindi il Tasso plasmatico di antipsicotici. Possono svolgere un ruolo quando l’effetto collaterale dipende dalla dose e dalla velocità. Pertanto, uno studio recente mostra che un tasso molto più elevato in clozapina, insulina e trigliceridi viene rilevato in pazienti sotto clozapina con mutazioni CYP1A2 * 1D e / o CYP1A2 * 1C. Di conseguenza, le persone che trasportano questi due polimorfismi hanno un rischio maggiore di sviluppare resistori di insulina.17

Influenza dei recettori, neurotrasmettitori e ormoni

Meccanismi farmacodinamici che possono spiegare il guadagno di peso in antipsicotici Non sono stati chiaramente stabiliti.18-20 Tuttavia, il profilo farmacologico dei farmaci conduce alcune tracce sul coinvolgimento di determinati recettori e neurotrasmettitori.21 Il sistema serotoningergico (5ht) è quindi noto come associato all’appetito, principalmente presso l’ipotalamo livello in cui si trovano i centri di regolamentazione dell’appetito. Clozapina e olanzapina, entrambi gli antipsicotici che causano il maggior guadagno di peso, hanno una forte affinità per questi recettori. Questo ricevitore sembra mostrare, per una delle sue varianti, un effetto protettivo contro il peso del peso. Gli studi effettuati in diversi paesi su giovani cinesi psicotici, 22 coreani23 o Caucasians24 hanno dimostrato che i portatori dell’allele T del polimorfismo – 759 c / t sono significativamente meno peso in antipsicotici atipici rispetto ad altri. Altri altri tre polimorfismi del ricevitore 5ht2C, associati all’aumento delle dimensioni, sono decisivi per il verificarsi di una sindrome metabolica.25

i farmaci che sono recettori istaminerg antagonistici H1, i ricevitori che influenzano l’appetito, hanno anche i ricevitori che influenzano l’appetito È stato associato al guadagno di peso.26 Altri ricevitori, come i ricevitori HIS istaminerg H2, ADRERGIC (ADR), i ricevitori di reciprossi attivati del proliferatore perossisome (PPAR) o i ricevitori proteici associati sintosomici possono anche essere coinvolti nel guadagno di peso psicotropico.21,28 Pertanto, l’attività di ADR Receptor Moduli Peso corporeo per attivazione o inibizione di lipolyse27 Mentre i PPARs svolgono un ruolo vitale nella differenziazione degli adipociti30, alcune mutazioni dei recettori ADRβ1 sono correlati ad un tasso di insulina e insulina, mentre altre mutazioni mostrano un’associazione con aumentato Altri polimorfismi ADR sono ulteriormente correlati al fenotipo dell’obesità.29 Alcune mutazioni del gene PPAR sembrano avere un effetto protettivo contro il diabete di tipo 2 e contro l’aspetto della malattia coronarica.30 Leptina è un ormone prodotto da tessuti adiposi che regola l’assunzione di cibo e consumo di energia. I polimorfismi genetici sul gene che codificano la leptina o sul gene del recettore della leptina hanno influenzato il guadagno di peso durante il trattamento antipsicotico.31,32 Un riepilogo (Tabella 4) fornisce alcuni esempi di fattori farmacodinamici che possono modulare il guadagno di peso o la sindrome metabolica ( Per una rivista completa, consultare la rivista di Chagnon et al.). 20

tabella 4

Fattori farmacodinamici che possono modulare il peso Guadagno o sindrome metabolica

effetto del meccanismo genico proteico ref.Lep Leptina controlla l’antipasto e il consumo di energia ↓ Peso secondo le varianti genetiche 24 Lep R Ricevitore leptina Controlla l’antipasto e il consumo di energia ↓ Peso secondo le varianti genetiche 31 Modulo ricevitore adrenergico ADR Il rischio di ricevitore adrenergico ADR Il rischio di lipolisi del tasso di grasso sistolico della resistenza dell’insulina e IMC 27 29 29 29 BDNFA Derivato il cervello Modulo del fattore neurotrofico Derivato Appetentico e metabolismo 33 PAR PARSOXYSOME PROLIFERATORE Dimensione del recettore e differenziazione di Adipocytes Effetto protettivo del diabete Tipo 2 e contro le malattie Cardiovascolare 30 H1R Istaminergic Receiver H1 Controlli Appetino Peso 20 HTR2C Ricevitore serotoniergian 5HT2C Controlli Aspetto e sazietà ↓ Peso e torre del tour Secondo le varianti genetiche IMC 22-25 CYP4501A2 Metabolismo CYP1A2 di droghe tra cui Clozapine e L ‘Resistenza di insulina dell’olanzapina 17

Conclusione

Il potenziale impatto degli effetti negativi metabolici prodotti da antipsicotici atipici sulla morbilità e mortalità a lungo termine nella popolazione del paziente trattati con questi farmaci, richiede il monitoraggio clinico di questi effetti. L’identificazione dei fattori genetici che influenzano il verificarsi di questo tipo di effetti collaterali potrebbe consentire un migliore adattamento farmacologico del trattamento.

Implicazioni pratiche

> Le raccomandazioni correnti propongono antipsicotici atipiche come trattamento di prima scelta nel trattamento della schizofrenia e altri disturbi psicotici

> La prescrizione di antipsicotici atipici può comportare un guadagno di peso a volte significativo e una sindrome metabolica

> un follow-up di effetti collaterali indotti da questo farmaco, in Particolare la sindrome metabolica, è raccomandato

> Gli studi consentono di sperare in futuro un adattamento del trattamento farmacologico in base al bagaglio genetico dei pazienti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *