Rivoluzione permanente

La burocrazia affrontata con l’imprevedibile

durante le prime settimane dell’epidemia, la negligenza e la mancanza di azione delle autorità hanno evidenziato con forti Contraddizioni su come il Partito Comunista cinese (CPC) stava gestendo l’epidemia. Alla fine di dicembre, la Commissione Wuhan Health ha rivelato che c’era “polmonite sconosciuta”. Ma fino a quando Xi Jinping pubblica le sue linee guida su come affrontare il problema il 20 gennaio, né il governo centrale di Pechino né i governi locali della provincia di Hubei e della città di Wuhan, al centro dell’epidemia, non hanno fatto molto in termini di trasparenza e risposta alla crisi.

senza chiamare in discussione ciò che avrebbe potuto essere fatto retrospettivamente tra dicembre e 5 gennaio (Genome Sequencing Day) È chiaro che nella fase cruciale dal 5 al 20 gennaio , le autorità cinesi non sono state affatto. Il ritardo su questi quindici giorni che coincidono con l’inizio delle grandi partenze del nuovo anno avevano enormi conseguenze. Come spiegato da quello specialista della Cina, François Dio, l’Istituto di Montaigne a Parigi nel suo articolo XI Jinping contro il Coronavirus: “Il ritardo dalle autorità centrali per rispondere alle informazioni di Wuhan è brevettare. A questo ritardo. Oltre all’imperietà di Azione locale: un banchetto di 40.000 persone nel centro di Wuhan il 18 gennaio, celebrato nella stampa locale, rimarrà negli Annali. La struttura del sistema sanitario cinese – ospedali e dispensari piuttosto che generali generali sparsi – non ha favorito la prevenzione di contagio, al contrario. La trasmissione di umani ad essere umani, ovvia dei primi giorni di gennaio dal caso di medici, e precedente per altri pazienti, è stato riconosciuto solo il 20 gennaio. “

Tuttavia, Questi errori e fallimenti non fluiscono solo dalla difficoltà di controllare un’epidemia virale imprevedibile, un test difficile per qualsiasi governo, sono collegati c Aracetere strutturale del regime cinese. Questo è ciò che il Sinologo Chloé Froissart dice, professore associato nella scienza politica presso il Dipartimento di Studi cinesi presso l’Università di Rennes 2, in una tribuna intitolata “Il Coronavirus rivela la matrice totalitaria del regime cinese”: “Che cosa avrebbe potuto essere un epifenomeno localmente circoscritto è diventato un’epidemia globale a causa dei tre mali profondamente radicati nel regime cinese. In primo luogo, corruzione: sebbene lo stato centrale abbia rigorosamente regolamentato il commercio di animali selvatici per scopi alimentari, il -CI è rimasto nel mercato di Wuhan da cui l’epidemia è parte della corruzione organizzata che il Comune ha avuto un interesse a nascondere il governo centrale. In secondo luogo, l’ossessione della “stabilità sociale” – ascolta: la conservazione dell’immagine del partito a fortiori in un contesto politico sensibile come la preparazione del plenaria Sessione dell’Assemblea del popolo popolare nazionale che si erge ogni primavera . In terzo luogo, il controllo delle informazioni, che ha continuato a crescere sotto XI JINPING, con conseguente ordine del rispondente ai media per rendere il portavoce della parte e la ripresa dei social network. “Continua, senza Ammages:” Molte persone in Occidente si sono estinte davanti alle capacità di reazione della Cina e all’importanza dei mezzi schierati: la quarantena di 56 milioni di persone, due ospedali fuori terra in dieci giorni, uso del riconoscimento del viso per tenere traccia del riconoscimento del viso Le persone contaminate in treni, i droni che intimano l’ordine agli abitanti del villaggio per indossare una maschera e andare a casa … tuttavia è solo un volontariato presso il Mao, composto dalla parte ad agire per agire, indipendentemente dall’efficacia dell’azione intraprese e della sua costo in termini di violazioni dei diritti umani. Oltre alla quarantena è stato dichiarato troppo tardi di 5 milioni di persone lasciate Wuhan prima che venga applicata ed è impossibile stretto una provincia di un’intera provincia, le autorità hanno implementato senza garantire che la popolazione sia sufficientemente fornita con cibo, medicinali, personali e medici Attrezzatura. In un contesto di carenza che si estende, entrambi gli ospedali agiscono soprattutto la propaganda. “Le immagini del famoso ospedale recentemente costruito e completamente inondate, da perdite nei suoi tetti, confermano che potrebbe essere un villaggio di potemkine che nasconde l’inesperienza della burocrazia cinese che affronta una situazione imprevedibile.

La burocrazia soffiglia l’economia, la vita sociale e culturale

Ma il trattamento proposto dalle autorità PCC verso l’epidemia di Coronavirus è il segno di un limite superiore dalla burocrazia riparatoria, in Il senso che è sempre più un ostacolo al progresso economico, sociale e culturale del paese del paese.

Prima di analizzarlo, facciamo una breve digressione storica. Negli anni ’30, il rivoluzionario russo Leon Trotsky, in una delle sue opere più famose, la rivoluzione ha tradito, ha detto della burocrazia dell’ex URSSR: “Il ruolo progressivo della burocrazia sovietica coincide con il periodo di assimilazione. Il grande lavoro di imitazione, trapianto, trasferimento, acclimatazione era sul terreno preparato dalla rivoluzione. Non era una domanda, finora, per innovare nel settore della tecnologia, della scienza o dell’arte. Le fabbriche giganti possono essere costruite da modelli importati dall’estero sotto il comando burocratico, pagandoli, è vero, il triplo del loro prezzo. Ma più lo farà, più si affronterà il problema della qualità e sfuggirà la burocrazia come un’ombra. La produzione sembra segnata dal sigillo di indifferenza . Nell’economia nazionalizzata, la qualità implica la democrazia dei produttori e dei consumatori, la libertà di critica e iniziativa, tutte le cose s Incompatibile con il regime totalitario di paura, bugie e lode. Dopo il problema della qualità, ci sono altri, più grandiosi e più complessi, che si possono raggruppare sotto il titolo di “azione tecnica e culturale creativa”. Un filosofo di antichità sosteneva che la discussione era madre di tutte le cose. Dove lo shock delle idee è impossibile, non ci possono essere nuovi valori. “In effetti, è per le ragioni avanzate da Trotsky che la burocrazia non è stata in grado di passare da un tipo di una vasta crescita a un tipo di crescita intensiva. Limiti che costituiscono le ragioni fondamentali e strutturali della bancarotta e dell’implosione del ex URSS diversi decenni dopo, come parte dell’economia globale dominata dall’imperialismo.

A prima vista, può sembrare sorprendente che usiamo una citazione sugli ostacoli imposti dalla dominazione burocratica dello sviluppo del degenerato Stato dei lavoratori dell’ex URSS, per capire cosa sta succedendo nella Cina contemporanea. Infatti, a differenza della burocrazia stalinista dell’ex URSS, che ha parassitato un regime sociale derivante dalla rivoluzione, la burocrazia riparativa cinese, basata sulle conquiste del 1949 Rivoluzione che unificava il paese e ha permesso all’accumulo primitivo che ha migliorato le fondamenta economiche e sociali del paese nonostante il suo ritardo INI È basato su un’economia capitalista. Ma, nonostante questa enorme differenza tra i due regimi sociali, le bugie più sorprendenti nella continuità dei metodi burocratici del controllo e del dominio nella direzione del PCC – al loro parossstro con l’ascesa di Xi Jinping come nuovi elmi – e gli ostacoli che ciò impone sullo sviluppo economico, sociale e culturale dopo l’enorme sviluppo dei primi decenni del miracolo cinese.

Quindi, l’economista Lucide Andy Xie evoca la monumentale mobilitazione del governo cinese contro l’epidemia, quella dell’epidemia Descrive come “mobilitazione del governo su una scala senza precedenti”. “Questo mostra il potere straordinario del modello cinese. Con il potere del governo al centro di tutto, può formare la società in un modo che non è possibile in nessun altro paese di grande o grande dimensione media”, nota giustamente. “Se i poteri travolgenti del governo sono un vantaggio nella gestione di una crisi nazionale, non sono così efficaci nel prevenirlo. Dal momento che il virus ha iniziato a comparire all’inizio di dicembre, gli eventi hanno avuto luogo come sequela della crisi della SARS del 2003, come Se nulla fosse cambiato in 17 anni. Questo dimostra che il modello cinese è un buon strumento per fare cose semplici su larga scala, ma non è così efficace per problemi complessi a livello del microfono. “Ma il più interessante è che cerca Generalizzare la sua analisi a livello di tutta l’economia e il modello di sviluppo cinese. Xie afferma che “il modello cinese è molto efficace nella fase iniziale dello sviluppo economico, ma molto meno in un’economia industrializzata e urbanizzata. Un’economia in via di sviluppo è soprattutto infrastruttura e il modello cinese è molto buono per mobilitare le risorse necessarie per l’attuazione di Progetti su larga scala. Durante la fase di costruzione dell’infrastruttura, le economie della scala stimolano la produttività e la crescita del PIL.Ma poi, come questi diminuiscono, lo stesso sistema rallenta la produttività e la crescita. L’economia cinese sembra essere in questo secondo stadio per circa gli ultimi cinque anni. Il modello cinese, sebbene discusso in tutto il mondo, perde l’efficienza sul proprio territorio.

Un problema correlato è la trappola dei ricavi medi. Una volta che il Giappone, Taiwan o Corea del Sud hanno superato il reddito da $ 10.000 per capite, questo importo è abbastanza veloce a $ 20.000. Tuttavia, la Cina ha lottato per far progredire il suo reddito pro capite negli ultimi cinque anni, la crescita del PIL sta compensando in parte il deprezzamento della valuta. L’aumento degli investimenti nelle stesse attività ha portato a una maggiore sovraccapacità e pressione per il deprezzamento della valuta. Per sfuggire alla trappola dei ricavi medi, la Cina deve ridurre gli investimenti e la mossa capitale da progetti previsti dal governo alle attività orientate al mercato e al miglioramento della produttività. Questo non accade perché il governo ha troppa controllo sull’indennità di capitale. Il modello cinese, se è efficace nel passare attraverso il reddito pro capite dal paese di $ 500 a circa $ 10.000 oggi, può anche essere la trappola che impedisce al paese di raggiungere lo stato dei paesi ad alto reddito “.

lo shock nell’opinione pubblica generata dalla morte di Li Wenliang il 7 febbraio del 7 febbraio, il oftalmologo di 34 anni che ha avvertito contro il nuovo virus, ignorato e represso dalle autorità che hanno propagato una cosiddetta falsa notizia L’inizio della crisi, ha mostrato quanta soffocamento burocratico colpisce un nervo sensibile nella popolazione. In un’intervista con il portale di informazioni private Caixin dopo aver confermato la sua infezione, Li A è dichiarato: “Penso che ci dovrebbe essere più di una voce in salute società, e non trovo normale che le autorità pubbliche siano utilizzate per interferire eccessivamente nella società “. Gli utenti di Internet hanno fatto clic su 1,5 miliardi di volte in 24 ore sul suo nome. 11 febbraio Un hashtag che afferma “Voglio libertà di espressione” avrebbe ricevuto tre milioni di clic prima di scomparire. Il termine “quest’uomo”, una parafrasi che progetta XI Jinping, doveva essere proibito dal web. Ancora una volta, gli intellettuali firmano le petizioni per la libertà di espressione.

Tutti questi elementi ci mostrano che i metodi amministrativi e burocratici del PCC, efficaci al momento del MAO o durante i primi decenni. La riforma pro-capitalista nonostante Il loro carattere a volte barbaro, sempre più contraddice non solo con lo sviluppo più generale del paese, ma anche, fondamentalmente, con l’evoluzione della sua struttura sociale. Oggi la popolazione più produttiva vive e lavora nelle città, che cambia qualitativamente la base su cui era basata il potere autocratico del PCC e chi lo presenterà a un’interrogativa crescente.

La fine del trionfalismo del XI Jinping ERA

È ancora troppo presto per dire se la crisi aprirà violazioni all’interno del dominio burocratico del potere cinese. Come al solito, le autorità centrali deviano la rabbia sulle autorità locali, nel designare sia l’entourage di XI a Wuhan come a Hong Kong, due dei luoghi più sensibili. Ma anche se Xi Jinping sfrutta la crisi per rafforzare ulteriormente il monopolio del suo potere, è chiaro che il trionfalismo del suo tempo è stato toccato.

all’esterno, la diffusione della malattia consolida gli americani Nelle loro convinzioni più intime sulla Repubblica popolare, rafforzando l’impressione di una Cina sconcertante sotto il peso delle proprie incoerenze, ancora troppo immaturo per sfidarli e assicurare gli Stati Uniti quel tempo è ancora il loro tempo. Lato. L’immagine della Cina come alta potenza moderna affittata da XI è stata offuscata. La limitazione della libertà di movimento dei cinesi di tutto il mondo, non pubblicata per quaranta anni, è stata una vera umiliazione. Dal Kazakistan all’Italia, attraverso i paesi membri della “rotta di seta”, una pietra angolare del Soft Power Pechino, molti stati hanno chiuso i loro confini verso i cinesi.

Con questo contesto nello sfondo, i problemi di governance sono probabile che porti a conclusioni opposte in Cina e nel resto del mondo. Mentre in Cina un potere più timoroso stringerà ancora la sua presa sulla popolazione, gran parte del mondo esterno sarà rafforzato nella sua convinzione che la Cina sia un attore inaffidabile e che questa mancanza di fiducia è legata al suo sistema politico opaco., Autoriziano e Troppo controllato.Ciò potrebbe comportare diversi costi a lungo termine: sebbene le società straniere non si ritirino da uno dei loro mercati più grandi del loro mondo, la mancanza di affidabilità della sanità pubblica della Cina renderà molto più difficile convincere lo staff internazionale e le loro famiglie per stabilirsi lì, creando un Motivo aggiuntivo per diversificare le catene di approvvigionamento in altri paesi e, di conseguenza, gli sforzi della Cina per convincere il mondo in via di sviluppo o i paesi semi-coloniali e dipendono da esso ha un modello politico-economico degno di essere imitato sarà certamente influenzato.

A livello nazionale, la diffusione di questa malattia è all’incrocio di una delle sfide il più importante per Pechino, per elevare il livello di urbanizzazione della Repubblica popolare e garantire una migliore qualità della vita ai suoi abitanti. I leader cinesi si concentrano su questi due problemi per mantenere il consenso della popolazione, mentre l’economia rallenta dopo anni di crescita impetuosa. Wuhan, l’epicentro dell’epidemia, è un esempio del processo di urbanizzazione imposto da Pechino nelle regioni interne. Il PIL aumenta dell’8,5% all’anno, ma anche le esigenze della popolazione in termini di benessere aumentano. Lo scorso luglio, la città era la scena delle proteste ambientali. Migliaia di persone si sono opposte alla costruzione della potenziale costruzione di un impianto di conversione di energia dei rifiuti vicino a un’area urbanizzata. L’evento ha avuto un impatto internazionale quando i manifestanti sono scesi per le strade di Hong Kong per cercare di collegare la loro causa a quella di Wuhan.

La gestione della crisi coronavirus da parte della città ha molto favorito l’adesione a la politica del PCC. Come descritto da un corrispondente di New York Times, gli abitanti vivono un incubo: “Le autorità cinesi hanno usato più misure estreme a Wuhan giovedì per cercare di fermare la propagazione del Coronavirus, ordinando gli scavi della casa. In casa, raccogliendo i pazienti in enormi quaranta centri. Queste misure urgenti, apparentemente improvvisate, intervenienti in un contesto di aggravamento della crisi umanitaria a Wuhan, esacerbati dalle tattiche che hanno lasciato la città di 11 milioni. Abitanti con un tasso di mortalità del 4,1% da giovedì capite raggiunto, un tasso molto più elevato rispetto al resto del paese (0,17%). Con i pazienti in campi di quarantena, e un minimo di cure mediche, una crescente sensazione di abbandono e paura ha sequestrato Wuhan, alimentando la sensazione che la città e la vicina provincia di Hubei sono sacrificati per il bene della Cina “.

A sua volta, l’epidemia potrebbe danneggiare Dyna La costruzione di infrastrutture che alla base della “iniziativa della cintura e della strada”. La posizione di Wuhan come un hub strategico (“hub”) del trasporto si è rivolto contro di esso.

Più in generale, questa crisi sanitaria rivela agli occhi di tutto il mondo che le ambizioni sulla scena internazionale del Pechino La burocrazia non corrisponde, sul sociale e sulla salute, all’immagine del grande potere proiettato dai suoi leader. Invece, mostra il livello di sottosviluppo in queste aree, l’espressione della mancanza di priorità che il modello cinese ha dato al benessere della popolazione nel suo complesso. La realtà è che una delle cause della virulenza virata è lo stato deplorevole del sistema sanitario. Le poche immagini che hanno circolato grazie ai social network, dai pazienti affetti da letto, fanno di più pensando a un paese semi-coloniale di una superpotenza. La spettacolare costruzione degli ospedali in pochi giorni, accuratamente orchestrata dal piano, è più propaganda che di efficienza, perché sono decenni di ritardo che sono in gioco. Dire altrimenti, anche se la costruzione di ospedali è veloce, fornendo loro qualificati I team di medici e supporto e collegandoli a un sistema epidemiologico nazionale ben sviluppato è un lavoro che viene fatto oltre diversi decenni.

In realtà, l’alta distruzione dell’ambiente come le forti disuguaglianze sociali e la povertà estrema ancora Generato dal “Miracle cinese”, può sempre più girare contro il potere come un boomerang, come mostrato dall’attuale paralisi economica. Se si ritiene che anche prima dello scoppio di questa epidemia, dell’economia, delle finanze e della politica del governo fosse sempre più minacciata di una crisi di fiducia, le prospettive sono lontane dal rosa per il regime. È difficile concepire un ritorno alla normalità.In verità, la Cina entrerà probabilmente un periodo di turbolenza come è già stato espresso nella sua periferia, progressivamente a Hong Kong o altamente reazionaria in Xinjiang.

Il fiume Yangtze, che attraversa Wuhan., Si estende da Shanghai A est e Chongqing, la città militare diventa centro industriale, ad ovest. Wuhan è anche il punto mediano tra Pechino a Nord e Hong Kong South. Collegato a diverse altre regioni della Cina da un sistema ferroviario ad alta velocità, questo centro di trasporto interno strategico ha sperimentato una forte crescita economica ultimamente.

Parole chiave

Coronavirus / Crisi sociale / USA / Cina / Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *