Socio-antropologia (Italiano)

1a stiamo parlando dell’istituzione delle aziende dei Caraibi, pensiamo alla creazione di Gruppi etnici di varie origini nelle società slave. Quindi è sorprendente che questi problemi non siano una preoccupazione dell’élite della regione. L’invenzione della nazione e il destino dei suoi componenti, in primo luogo, che, il preponderante, costituito da africani, raramente sollecitano l’attenzione. Per evitare questi arresti e schivare i conflitti di cui trasportano, gli intellettuali preferiscono trattare le classi di classi tra maestri e schiavi e le questioni di colore sollevate dal colon.

2a La reception della Costituzione del 1801, che Toussaint Louverture promulga di governare Santo Domingo, Napoleone scrive a lui che conteneva:

“(molte cose) Che sono contrari alla dignità e alla sovranità del popolo francese tra cui Santo Domingo costituisce solo una porzione. “(LJ gennaio, 1886: 23)

3in La risposta di Toussaint, leggiamo:

“Il potere che voglio è stato legittimamente acquisito come tuo, e niente il pronunciato voto del popolo di Santo Dominue Mi costrinerà a lasciarmi. “(LJ gennaio, 1886: 24)

4on comprende facilmente l’ambito politico della risposta di Toussaint. Ma abbiamo il diritto di fare domande su questo popolo che parla e sui suoi desideri. Per il toussaint, le “persone” di San Domingo sono limitate ai creoles. Gestisce un “esercito indigeno”. Gli africani, bosalizzati, rimangono un’aggiunta, immigrati nelle ultime ore. La schiavitù è fondamentale per la definizione di “persone” haitiane. Parlerei anche al rifiuto ambiguo dell’ovest da parte degli zotti haitiani, il corollario di questo ambiguo rifiuto è la libertà, così dubbioso, concesso ai discendenti di africani o bosali e avrebbe evocato i negoziati dei loro discendenti per “ottenere Maggiore partecipazione al campo della politica.

Nella progettazione dell’élite politica, l’haitiano sorge dalla vittoria degli schiavi sui loro maestri. Il paese partecipa alla comunità internazionale nell’eliminazione della schiavitù legata alla società e all’economia coloniale. Lo stato non considera alcuna soluzione alternativa, in tal modo, espelle l’Africa, gli africani e tutte le loro vite quotidiane e cultura nella storia del paese.

Africa come aggiunta

6 Gli africani a Saint Domingo (futuro Haiti) sono migranti. Generalmente non sono percepiti come tali poiché alcuni parametri del processo migratori non funzionano nel loro caso. Inoltre, la “morte civile” che colpisce i prigionieri consente di ignorare le loro possibili richieste che non sono, o non possono essere, formulate e registrate chiaramente dai documenti del tempo. Inoltre, è lo sviluppo e la trasformazione del progetto coloniale che monopoli l’attenzione della maggior parte degli storici, dei sociologi ed degli economisti.

7 lo stato coloniale. Destinato ai nuovi arrivati un benvenuto che non possono immaginare o accettare. Il prigioniero si trova tra lo schiavo / fioriera e il marrone (schiavo che ha fuggito la piantagione). Knooning è un passaggio dal più basso in risposta all’isposizione irrazionale della volontà del più forte. In questo brunch, gli immigrati africani e i loro discendenti inventano nuovi spazi geografici, sociali, politici e culturali e un progetto implicito di trasformazione della trasformazione della ricezione delle strutture domestiche della società.

8La letteratura A proposito di Hottie è molto vario. Studi classici sul marrone di Haiti, Suriname, Giamaica, Cuba, Brasile e Messico offrono un campo estremamente ricco di esperienze. Inoltre, lo studio delle migrazioni degli impegni europei del diciassettesimo secolo, dai prigionieri africani del diciassettesimo secolo, gli impegni dell’Europa, del sud-est asiatico e della Cina nel 19 ° secolo portano a confronti utili tra questi diversi gruppi etnici e la codificazione del peculiarità del loro stabilimento.

9A Santo Domingo, secondo le stime del tempo, dal 1680 alla fine del XVIII secolo, ci sarebbero stati introdotti circa 800.000 africani nella colonia. Nel 1776 solo, quasi 300.000 arriverebbero (Hilliard D’Auberteuil in Jean Fouchard, 1972: 119). Un terzo di questi migranti è morto in tre anni dopo l’atterraggio. La vita media di un prigioniero non ha superato quindici anni.Questa mortalità era dovuta a tortura certamente ma anche, in una proporzione significativa, suicidi collettivi, indulticidi, omicidi, mutilazioni, ecc. A seconda delle condizioni prevalenti nel territorio colonizzato, gli africani hanno risposto da perdite o manopolatura, nonché dalla creazione o dalla sottomissione effettiva o finta. Non dobbiamo vedere nel corso che va suicidi alla creelizzazione delle fasi situate in tempo. Il lavoro di Fouchard, dove documenta le “perdite” allo spagnolo dei prigionieri a malapena atterrati e che non conoscevano l’ambiente, dimostra l’esistenza di reti sotterranee tra i creoli, utilizzati per facilitare la “perdita” di questi “disertori”. Se la maggior parte delle castagne erano “bossels” (schiavi nati in Africa), hanno contato su una certa complicità in Creoles (nata a Santo Domingo), nonostante i violenti conflitti che si opposero ai loro leader (Michel.-Rolph Troullot, 1995: 31-70) .

10 Il corso della vita quotidiana in una compagnia di piantatura era lontana dall’essere semplici quanto i “modelli puri” possono lasciarlo credere. Per dire che la piantatura è un’istituzione totale in cui la vita pubblica e la privacy tendevano a essere confuse è una verità nel livello di costruzione logica delle strutture sociali (Lloyd Best, 1968). Nella vita di tutti i giorni, c’è la convivenza e la sovrapposizione tra la schiavitù e la cerniera, tra i sistemi sociali e le visioni del mondo centrato sulle linee guida dei valori divergenti.

11 Oltre ” Pure Plantation Model “, devi costruire altri modelli o almeno deve essere preso in considerazione. I diversi tipi di castagne, cioè, Robinsons come Esteban Montejo de Cuba, i banditi, affondati senza essere e gli “Apalencados” circolano nello stesso spazio geografico e sociale (Jean Casimir, 1981: 56). Gli spazi della piantatura e loro li organizzano in modo diverso e sfrega le spalle. In una piantagione di isola, lo spazio è segmentato: accanto alla grande scatola della piantatrice, ci sono le piazze slave; accanto a piantare, giardini e luoghi alimentari; Accanto alla società di piantagione, la compagnia del villaggio di castagne. E soprattutto, accanto alla colonia francese di Santo Domingo, c’è un territorio spagnolo e le sue numerose “mania” (Carlos Estaban Deise, 1977). La grande scatola, le scatole di Negro, i campi di canna, gli spazi viventi, i laboratori, i villaggi dei Marristi, il territorio francese e il territorio spagnolo hanno a reperto in un entourage dove prevalgono le forze centrifughe. P.>

12AU XVIII secolo, questo crollo e dispersione di varie strutture offrono i rivoluzionari della pendenza delle opzioni che poche popolazioni caraibiche saranno a portata di mano. Così, anche se i nuovi arrivi dell’Africa, i Bosals, rimangono un’aggiunta alla società di piantagioni, godono di un margine significativo di manovra.

13L Indipendenza di Santo Domingo , diventa Haiti nel 1804, è spiegato dalla gestione di questi spazi contigui e impigliati. Nei Bosals predomina una visione del mondo che differisce da quella delle creole rivoluzionarie. Basti pensare che le loro “band” – come la storiografia ama chiamare i loro eserciti – sono guidati da sacerdoti e diversi membri del clero del Voodoo nel pieno allenamento! In definitiva, la visione del mondo proposta dai Bosals porterà all’indipendenza. Le istruzioni di Toussaint Louverture, dall’inizio della guerra, testimoniano:

“Se i bianchi atterrano nei nemici, bruciano città e si rifugiano in montagna.”

14it allude anche alla firma dei trattati tra l’inglese e il marrone della Giamaica. In altre parole, lo staff dell’esercito indigeno non può difendere i propri interessi nel contesto politico e giuridico creato dalla rivoluzione francese, approva la strategia degli africani marrone, quello della guerriglia e conduce il paese con l’indipendenza (J. FOUCHARD, 1972).

15IL Ne consegue che nel 1804 il “nuovo libero” (emancipazione del 1793), come uno quindi chiamato, entra nella scena con una forza politica innegabile , anche se non si distinguono come un gruppo sociale significativo al livello della direzione dello stato. Sono troppo impegnati a stabilirsi come abitanti e gestire relazioni tra componenti etnici delle ultime ondate di Bossal. Nel 1804, due in tre haitiani sono nati in Africa.

il rifiuto unanime della schiavitù

16 MENDERING Questa volta, lo stato e l’élite conservano il progetto di piaminare la società con gli elementi essenziali delle definizioni dei rapporti di classe inerenti.L’unione di creoli e bosali è principalmente realizzato attorno al rifiuto della schiavitù. I generali dell’esercito indigeno si uniscono al movimento all’ultimo minuto. Scopriamo ex post facto che questi si concedono solo l’eliminazione degli aspetti grossolani della schiavitù. Per loro, le persone chiariscono nulla oltre l’emancipazione generale. Credi anche che siano in grado di far rivivere l’economia di piantagione.

17 Le Costituzioni di Haiti nel diciannovesimo secolo definiscono le persone in termini di classi sociali, che porta a proporre ciò che è non è. Sono silenziosi su ciò che è, la sua origine etnica o il contratto sociale che lo univa. Questa definizione negativa è sviluppata non appena la Costituzione del 1801, proposta da Toussaint e si ripete nelle sei costituzioni che seguiranno.

18 Il primo titolo della Costituzione di 1801 si riferisce al territorio, e il titolo II definisce gli abitanti. Dice testualmente:

“Ci possono essere schiavi su questo territorio, la schiavitù è abolita per sempre. Tutti gli uomini nascono, vivono e sono liberi e francesi. “(Articolo 3)

Dice che tutti” ci sono nati liberi e francesi “fatti dei due’ereni della popolazione nata in Africa Un’aggiunta al nucleo centrale creolo, quelli nati ad Haiti. Inoltre, questo articolo dedica quanta nozione di dipendenza rispetto all’altra è ripugnante per la società haitiana. Il rifiuto della presentazione dello schiavo al Maestro, il lavoratore al capo, così come la forza lavoro è fondatore del pensiero haitiano e della sua visione del mondo. Fino al 1915, il salario rimane sconosciuto nelle nostre campagne. Al giorno d’oggi, è preferibile il lavoro autonomo (F. Houtart e A. Rémy, 2000: 46 e segg.).

20 L’articolo della Costituzione del 1801 seguendo quello Abbiamo appena citato si riferisce al mondo del lavoro, ma attraversa il rapporto di classe con le preoccupazioni del colore che ostacolano la mobilità ascendente dei creoli della colonia:

21 ” Ogni uomo, qualunque sia il suo colore, è idoneo per tutti i lavori. “(Articolo 4)

22 La costituzione di desalins (1804) va oltre l’articolo 14. Haitiani:

“Gli haitiani saranno ora noti solo sotto il nome generico dei neri.”

23Il problema di colore così posato non è un problema etnico. Il colore dell’individuo è un criterio di stratificazione sociale. Dai desalini ai giorni nostri, le élite discutono attorno al continuum cromatico in eredità dalla colonizzazione e che va dal nero, o alla negazione dell’essere umano, all’essere per eccellenza: il bianco. Questo continuum unipolare distrugge la pari opportunità di impiego che, in una società di impianti, riguarda principalmente le posizioni pubbliche della pubblica amministrazione e della gestione nei workshop. La questione del colore aggira quella delle strutture dello sfruttamento e della loro interrogazione della lotta della classe.

24 Nella riga del modello coloniale, le prime costituzioni non lo fanno Non distinguere la privacy e la vita pubblica: l’agricoltore è un soldato. I creoli della colonia e dei loro discendenti intendono trasferire le posizioni sociali che hanno acquisito durante la colonizzazione nella società indipendente. L’emancipazione generale, la libertà del cittadino o l’indipendenza dello Stato costituiscono la base del contratto sociale che propongono alla popolazione. Questo è l’unico desiderio che sono pronti ad onorare.

25 Africani che sono appena sbarchi non sono “nuovi liberi”. In assenza di essere in grado di intraprendere un viaggio di ritorno, l’emancipazione generale e l’indipendenza di San Domingo rappresentano, per loro, le condizioni essenziali di uno scopo superiore, vale a dire la ricostruzione della loro vita privata e comunitaria. Distruggi la relazione di classe tra il Maestro e lo schiavo diventa secondario. Era un passo o un business graduato. Inoltre, hanno vissuto solo pochi anni in schiavitù.

26 Il primato della privacy è celebrato in una delle canzoni più belle della guerra dall’indipendenza:

“Grenadye Alaso. Quel Ki Mouri: Zafè A Yo. Nan Pwen Manman, Nan Pwen Pitt, che Ki Mouri Zafè A Yo.” (Grenatieri all’Assalto! Peccato se noi morire. Non abbiamo una madre, non abbiamo figli, troppo male se moriamo!)

27No morente: vivere è quello di avere Madre e figli, ascendenti e discendenti. Mentre la visione dell’élite dominante si concentra sulle relazioni di classe – che vuole distruggere a monte e replicare a valle – quella dei “nuovi arrivati” favorisce necessariamente le relazioni interetniche.Haiti, uno dei paesi più africani dell’America, è stato il primo a perdere i suoi legami con il suo continente originale (1791). Ha ricreato una nuova Africa, la sua Africa, che potrebbe essere confrontata, con vantaggio, ai restauri fatti dai migranti più recentemente atterrati nel continente nordamericano. Al contrario, lo stato e i suoi leader concepiscono gli haitiani come una serie di vecchi schiavi. Nella loro visione, schiavitù, come stigma, è fondatore del popolo. Nulla esisteva prima di questa esperienza disastrosa. È la guarigione, non in una lotta di classe, come quella proposta dai Bosals e dai loro discendenti, ma prendendo in prestito i sentieri della mobilità sociale ascendente, come tracciata durante la colonizzazione.

Il rifiuto qualificato dell’ovest

28Per le Creoles e i loro discendenti, il problema etnico, se mai si presenta tra le diverse popolazioni africane che atterrano a Santo Domingo, non può succedere lateralmente. È apparente soprattutto nelle relazioni illegittime del dominio che uniscono il “bianco” a “nero”. In risposta a questo problema, tutte le costituzioni del XIX secolo sono dovere di escludere i bianchi della nazione haitiana. Dicono testualmente:

“No bianco, qualunque sia la sua nazione, non può acquisire la qualità di Haitien.”

29 In tutto, troviamo il corollario dell’articolo precedente:

“gli africani e gli indiani oi loro I discendenti sono le uniche abilità per diventare haitiani. “

30il è formalmente vietato ai propri edifici ad Haiti. Sarà necessario per l’occupazione americana, nel 1915, per modificare questa clausola costituzionale.

31 Questo rifiuto dell’ovest può anche essere interpretato come rifiuto della dipendenza personale . o dipendenza dalla nazione haitiana contro le nazioni europee. Quando la schiavitù governa ancora relazioni di lavoro a pochi chilometri dalle coste haitiane, i leader del paese non vogliono avere spazi vuoti dentro di loro, né anche l’opportunità di dipendere da loro.

32in Colonial Slavery, i concetti operativi sono i concetti del colore – “Black”, “Mulatto” o “Bianco” – e le loro specifiche in proporzione di sangue bianco per fluire nelle vene degli uomini di colore. D’altra parte, le culture che contraddistinguono ciascuno dei gruppi etnici non sono d’uso per il funzionamento dell’economia slave e dell’istituzione dei grandi imperi coloniali. Sono percepiti, al giorno d’oggi, come un fatrass di leggende e superstizione. Indipendenza, i leader della Repubblica sogno del revival di una forma di economia coloniale. Si oppongono alle definizioni occidentali dell’uomo nero ma accettano, allo stesso tempo, il vuoto che l’Occidente ha creato per definire questo uomo nero. I contenuti della cultura occidentale, incluso questo vuoto, non sono contestati. L’apertura dei confini del paese a possibili immigrati africani o origine africana è accompagnata da un rifiuto di tenere conto di qualsiasi contributo intellettuale dalla loro parte. Questi immigrati possono offrire la loro forza bruta solo.

La libertà supervisionata concessa agli africani

33 L’eleganza che sorge nel 1804 sogno di questo Santo Domingo, perso paradiso: la perla delle Indie occidentali. Fino alla fine del secolo farà del suo meglio per garantire la rinascita della piantatura. Come fa lei?

34An Trova un elemento di prima risposta nei regolamenti emanati da Toussaint Louverture. L’analisi infatti Jean Prezzo Prezzo MARS:

“La riforma della Riforma degli amanti aveva diviso la popolazione dominando in due categorie distinte: che (…) che costituiva la classe dominante e quella composta dalla grande massa degli agricoltori, la classe di maggioranza dello schiavitù su cui era basata l’impalcatura economica della nuova società. La vita quotidiana di questa classe di lavoratori rurali è stata accuratamente regolata da un codice di lavoro Sembrava particolarmente tutte tutte le bozze elaborate dai vari rappresentanti della metropoli, dopo la solenne proclamazione della libertà degli schiavi. In effetti, sono stati dichiarati “liberi” a condizione, tuttavia che il “nuovo libero” fosse costretto a lavorare Le proprietà dei loro antichi maestri, con uno stipendio rigido in natura. Il colo di lavoro del lavoro prese i precedenti. Forniva tra le altre cose che il Tra Il Cairra doveva essere riparato presso la proprietà del suo ex maestro per un periodo di cinque anni consecutivi, invece dell’impegno di tre che il generale Hedouville aveva ordinato.Questo agricoltore non ha avuto il diritto di astratto dalla sua residenza forzata per qualsiasi motivo per cui non era autorizzato da una password, firmata dal suo capo. Se un’avventura, è rimasto sorpreso dalla proprietà senza l’autorizzazione sopra menzionata, era probabile che fosse passato ai cantieri e imprigionato. “(J. Prezzo Marte, 1967: 17-18)

35 I regolamenti di lavoro rilasciati da Toussaint prevedono l’indipendenza e potrebbe, in questo contesto, di nuovo spiegando. Ma nel 1826, il presidente Boyer emette un codice rurale tra cui Louis Joseph Gennaio, uno dei più luminosi intellettuali del XIX secolo, dice quanto segue:

” Il codice rurale del 1826 è il più capitale, il più imperdonabile di errori o crediti di Boyer. (…) Questo codice vietato il contadino, sotto la pena di reclusione, in caso di ricorrenza, sotto pena di lavoro forzato, per viaggiare all’interno senza aver ottenuto la licenza di contadino, il proprietario o il manager del campo su cui è impiegato è; Imposta il numero di ore di lavoro; Ha rimosso il diritto del contadino a lasciare la campagna per andare in città vivi e città; Ha dichiarato che nessuna riunione o associazione di lavoratori fissati sulla stessa piantagione non poteva fare la fattoria dall’intera piantagione o sfruttarlo; Comandò che il contadino sia sottoposto a essere sottoposto al proprietario, al contadino, al manager, sotto pena di reclusione. A parte la frusta, era la schiavitù. “(LJ gennaio 1886: 149)

36j’a aggiungi che era l’apartheid prima della lettera. Definire la gente dal rapporto di classe caratterizza la piantagione di schiavi, l’oligarchia haitiana fa ogni sforzo per distruggere qualsiasi traccia di cultura africana originale o ricostruita. Non osserva o regola il dispiegamento della vita quotidiana. Preso in un processo di acculturazione, i diversi gruppi etnici africani, principalmente dipendenti dal villaggio Le aziende, vengono convertite in abitanti, producendo ciò che sappiamo oggi come la nazione haitiana.

partecipazione allo stato haitiano

37La ricerca nelle scienze sociali ad Haiti si sforza di includere la storia haitiana in uno stampo latinoamericano in cui la domanda di terra a coltivare sarebbe prioritaria. Lei schiva lo studio della politica di potere registrata nelle lotte contadine.

38La ca. Gallo endemico delle lotte intraprese dai discendenti dei Bosals in un paese in cui la Terra esiste in abbondanza, tuttavia, suggerisce il contrario. Subito dopo l’indipendenza è stabilita, nel nord della penisola meridionale, per tredici anni – dal 1807 al 1819 – una compagnia Marronne guidata da Goman. Venti anni dopo, nel 1843, sul pendio meridionale della stessa penisola, inizia una delle più importanti ribellioni contadini, quella delle “puntate”. Sconfitto, il suo capo Jean-Jacques Acaau si rifugirà sul territorio precedentemente dominato dal Goman. Questo è dove finirà i suoi giorni.

39a L’altra estremità del paese, il centro nord della Repubblica è noto per la presenza, nel suo seno, famoso “Bands” Brown. Operano, con il supporto del re della Spagna, pozzo prima dell’indipendenza. Dall’altopiano centrale alla città di Jacmel estende un’area mai controllata da nessun potere coloniale. Moreau de St. Méry dice che c’erano neri di settant’anni e vivevano lì senza aver mai conosciuto schiavitù.

40a da questi vassoi sono organizzati dal 1867 al 1929, il Varie guerre di cacos. I cacos lottano lo scorso sessantadue anni. Se aggiungiamo la guerra dei picchetti e la ribellione del Goman, conclude che, sui 125 anni di indipendenza che scorre verso la morte di Charlemagne Péralte, i contadini haitiani hanno combattuto quasi due terzi di questo periodo per un obiettivo che non hanno raggiunto. Cosa c’era?

41 con contro Goman, il presidente Boyer ha detto che non era un avversario ma un marrone, questo per significare il carattere radicale del suo movimento e giustifichi il suo rifiuto come una forma accettabile di organizzazione politica. La guerra di Acaau è preceduta da una proclamazione che dà significato e obiettivi. È interessante leggere il riassunto in fatto Louis Joseph Gennaio:

“Nell’aprile del 1844, Louis Jean-Jacques Acaau, capo dei contadini rivolti Sud, riassunto le loro lamentele in una famosa proclamazione. Ha accusato il governo di Boyer per privava il paese di qualsiasi istruzione, per averlo schiacciato sotto il peso di un debito mostruoso, per aver abbandonato il suo futuro. A caso.Ha criticato il governo del fiume a Hérard per mentire al suo programma, per l’intervento “nei deserti dei cittadini orientali Solomon e dei loro compagni, che avevano pensato di poter parlare di diritti, libertà, uguaglianza”, per aver ingannato il contadino Le rivolte di Praslin avevano avuto una brutta fede o un candore per promettere “la diminuzione del prezzo dei beni esotici e dell’aumento del valore delle materie prime haite”. Li ha anche rimproverli per aver inflitto alla Costituzione “che dedica tutti i diritti e i doveri, gli ultimi insulti dell’arbitrarietà nella Corte del locale stesso dove l’Assemblea costituente deliberava”. Acaau ha aggiunto nella sua proclamazione del 15 aprile che la popolazione di Le campagne, risvegliate dal suo sonno “, è stato risolto di lavorare per conquistare i suoi diritti. “” (Gennaio 1886: 224-5)

42EVOLVALMENTE, quindi puntelli, le applicazioni per la partecipazione dei contadini sono state interpretate come un invito a ” Massacre il mulatto “e distruggi l’oligarchia. Louis Joseph Gennaio – Chi è Black – respinge tale argomento, ma è attento a non fare giustizia a Acaau e contadini. Non capiamo come viene alla sua conclusione, vale a dire:

“Per loro (i sostenitori dell’ACAAU) qualsiasi altra domanda è arrivata dopo quella della proprietà della terra. “(LJ gennaio 1886: 227)

43 La soluzione di Leslie Manigat, sui cacos e sulla loro risposta all’occupazione americana, lui per essere esteso ai discendenti dei Bosals:

“dal loro coraggio, la loro tenacità e la loro indomabile dedizione alla causa della liberazione del paese, il CaCos rappresentato sotto l’occupazione, “l’espressione più eroica e il più completato della coscienza nazionale”. (…) Chi sono i cacos? I contadini del periodico arlitment negli eserciti rivoluzionari politicizzati a modo suo. Braves, Hirsutes e Terrible, A volte sono noti a “senza mamme”. Ridendo in occasione, ma la maggior parte dei soldati al servizio di una causa, hanno ispirato lo spavento con gli eliti possedanti del porto-au-principe che associano la loro immagine con quella del “caco terrore”. Gli americani li chiameranno “banditi”. Per la storia haitiana, sono quelli che vanno virtualmente monopolizzando la resistenza armata cosciente e deliberata all’occupazione nordamericana. “(L. Manigat, 1973: 363)

persistenza del vocabolario coloniale

44 Africani e i loro discendenti si distinguono dal Creoli della colonia e dei loro discendenti come classe e come gruppo etnico. Sono davvero presenti come una classe sociale separata in tutta la storia di Haiti. Le loro lotte sociali e il loro orientamento ideologico sono confuse da quelle di creoli. Se scompaiono il registro dei fatti storici, è perché conserva ancora il vocabolario, altrimenti gli obiettivi e i documenti che testimoniano un certo passato. Nella visione dell’élite intellettuale e politica di Haiti, c’è una difficoltà originale che sta nella sua incapacità di superare i risultati della rivoluzione francese e nel suo giorno. L’elite haitiana non fallisce ancora ciò che Laënnec Hurbon chiama il “Imaginario Barbaro” (L. Hurbbon, L987). L’etnocentrismo coloniale sta scivolando sotto il Le forme più varie nei più svariati intellettuali.

45 È in questo spirito che la storiografia del diciassettesimo e del diciottesimo secolo mantiene ancora gli esistenti fugivi e disertori, banalizzante il contenuto etnico delle lotte di castagne e guerre di indipendenza. Ciò consente di mantenere la storia entro i limiti dei rapporti di classe. Non può essere in grado di sottovalutare questa dimensione, ma non esaurisce i problemi, compreso quello della creazione di immigrati africani, che risolve la creazione della nazione haitiana.

46 Il semplice uso dei concetti di Black and Mulatto tende ad imprigionare questa storia nella visione coloniale del mondo e di schivare gli elementi della vita quotidiana. Nel recente lavoro, possiamo leggere la seguente definizione marrone: “Il nero marrone era lo schiavo che vive in montagna” (F. Houtart e A. rémy, 2000: 38). Per questa storiografia, l’africano sarebbe uno schiavo di legge. Ovunque vada, ha caricato la cattività e la schiavitù (J. Casimir, 1981: 51). Ma c’è un’altra domanda da ricordare: ci sarebbero stati i bianchi marroni? Quindi, perché parlare di “Brown Black”?

lang = “fr” fr “> 77 étude corsi, fabbriche di pueisti, al Période Aingesioire, nel Période Revolode:

grumo = “V” fr “en Ahor 1091, Les Escarling di Révolete di Révolo di Révolo di La Coloni, 1988: 17)

48dans frase mot” noir “Est Deer. L’asso esplora Queu de Noirs. Su Peut Se Chamailler Surge of Existence of Qacenza “” “esistono Excretes. Et noi ci sono un’arte PI. Sui trasporti, ballando la stororiografica, il Culius de Coruur a Casureer, Mais d’Inalde d’Explication Sociaux et Divations et Sull’applicazione della generazione limite, e sulla Francia: le stampe di fronte alle stelle.

p> fr-fr “” fr “fr” “29s out, cette peap occult the faac fau faucifs 19 tappi ca noir noir whats Nelle donne Wike interessano la portata in Leurina Derre Vision, articoli, Exchange Downfe. La phenometet #t Pura Moutanine de Lour Pauau. IL ABAGUUVERROMING CONLENT, BAMBAR, PURESILE, MANDINGES, Candserere Soundère ET Type Soundibe SoundsHing Agme Haistiens. Le Chahom del Caraïbe, Minme nel Significato del mondo a Les Aménisme, Savoie des Con Concesauders, Ripondant a Leurs de Dominio. CE Sont Des Phénomnesnes et no not Catése.

FR-FR “FR” FR “Dristrintaer de Devcturent Utilizzare Happy Distinging PDSTATIVE Auffaciterity Sotto l’italiano “NERC e escluso l’uscita tranquilla ai ricordi” Master / Escault, Blancs, Atomeduée dicotomous 6 “incoraggiano” Dianisis come Owres “o Noirs. Faisant CE, il llow Abse in mente Intionary et Ademolism e testernis.

l-fr “” fr “fr” fr “fr” fr “fr” fr “fr” fr “fr”> Boles o Bon e Hamigs Sont Umigrantor ha bisogno di Les Commercio Preparati-Femping Presuls and Font Prepenté senza societer (gara) a EUX IRSS Itéent cpenantant in PES Emorps per Saisir Les Cisir. Ceci arriva a Presque Touss Les immigrati. IS Débarquent Comme Pure Distrard Pure, senza no-Droit lo rende Au Capital. Il nostro n. Bloin Hotel.

3 p>

Permio demoille: pourdorando i termini Le Monstal, A Terres Plus Plus Pericabulair Culonial, At-Ilujor Tujours Norsca Lorska sull’Africa quindi Africa? Cosa fai online Regione EngMe Patiste de CE Mépres? L’INDEGERE, IDEEUR DE L’INDÉEUR DE L’FERCENCE SERVICE I SERVIZI ISCLUSIONI DM CrUSALALLES è la Gerrificazione della Germanità DE PROMUXES DEIMIRE. Fiscele pourquero fetween les ans et les altri? Seppreatro di SES è stato possibile Réprodues Resprodues tra le lezioni di Les Classes di LeS De La Desheti Relazione relativa. De Nos on Separant, Fre “Abitants” des “5th Explit Hint Union basato sul report.

lang =” fr-fr “> 53il, convieter per esteso per la revisione del revisionato DETRARATO DA TRATALE, AN Subacqueo e l’abitante nell’istorni. P Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *