Stabilimento di un programma di prevenzione del batterio associato a cateteri centrali (infezioni del flusso sanguigno associato a linea centrale, clabsis) in un’unità di terapia intensiva belga.

Batteri associati ai centrali dei cateteri (Clabsis in Anglo-Saxons ) è un problema di salute pubblica. Buting il loro impatto sulla morbilità e sulla mortalità (tra il 12 e il 25%) dei pazienti, prolungare da 7,5 a 25 giorni la durata del soggiorno, che causa un aumento dei costi di assistenza (1, 2, 3). Nel Belgio, nel 2014, i clabsis erano il 26% della setticemia (Sep) acquisiti in ospedale (4). Questa incidenza di Clabsis è la maggior parte delle unità di terapia intensiva (13.3 CLABSI / 10.000 giorni di ospedalizzazioni, JH) rispetto a 2,2CLABSI / 10.000 JH per altre unità di assistenza (4). La maggior parte di queste infezioni è prevenibile con l’uso di buone pratiche Durante l’inserimento del catetere venoso centrale (CVC) e la sua manutenzione (1-13). Programma di controllo delle infezioni associate alla cura. Questo punto è anche prelevato nella serie di indicatori di qualità nell’igiene dell’ospedale dell’istituto sanitario pubblico (ISP-WIV) nel “Indicatori d’azione” Sezione: Audit del canale centrale (5). È anche incluso nella registrazione opzionale dei dati del set di sep (6). Ogni ospedale belga è stato invitato a istituire un programma di prevenzione del clabsis. In questo contesto, la piattaforma di igiene dell’ospedale Brabant Walloon organizzò tre workshop. Sul tema “implementazione di a PREVENZIONE DI CLLABSIS “Per supportare e incoraggiare i team dell’igiene dell’ospedale operativo (EOHH) nello sviluppo di un programma adattato alla loro istituzione ospedaliera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *