Stati Uniti: a 18 anni crea una mappa clinica per abort


American High School Girl ha identificato le informazioni disponibili su tutti gli stabilimenti dove è possibile essere abortiti nel suo paese.

Maddy Rasmussen ha solo 18 anni e ha già creato uno strumento molto utile per tutti gli americani. Lo studente della scuola superiore dei monaci, nello stato di Washington, ha sviluppato una mappa interattiva contando tutte le cliniche e le istituzioni che praticano gli aborti sul territorio americano. Un primo, secondo Cosmopolitan.

Il risultato è visibile su un sito web, denominato Project Space Safe. È fondamentale di base prima, una semplice carta di Google Maps, ma rappresenta una somma di ricerca. Poiché esiste una versione “testuale” della mappa, con tutte le informazioni necessarie classificate per stato: nome della clinica, indirizzo, sito Web, numero di telefono e data in cui le informazioni sono state verificate. Un titolo fornisce anche informazioni sulla legislazione vigente in ogni stato.

Disequità territoriali

La navigazione consente non solo di trovare la clinica più vicina a casa, ma offre anche una panoramica della mappatura dell’infrastruttura americana dedicata all’aborto e alle disuguaglianze territoriali che fluiscono da esso. Alcuni posti sono ben dotati di -New York, California e altri, cliniche molto poveri solo nello Utah, tre in Nevada, e una grande terra di nessuno che si estende dal nord Dakota a sud del Texas.

Maddy Rasmussen ha avuto l’idea di questa carta mentre era un tirocinante in voce legale, un’organizzazione per i diritti delle donne. “Il mio obiettivo finale per questo sito era che diventa un posto sicuro dove le donne possono trovare una clinica vicino a casa e valutare le restrizioni del loro stato sull’aborto”, scrive sul sito.

Preziosi, ma anche informazioni volatili. Ad aprile, Donald Trump ha promulgato una legge che consente agli Stati di proibire il trasferimento di denaro pubblico a qualsiasi clinica che eserciterà gli aborti. Una misura che potrebbe mettere in pericolo queste istituzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *