Una panoramica dei tumori

epidemiologia dei tumori in Francia: un impatto costantemente crescente per 25 anni 1

Nel 2011, il numero di nuovi casi di tumori è stato stimato in 365.500, compresi 207.000 in uomini e 158.500 in donne.

i tumori più comuni negli esseri umani:

    Cancro prostatico, 71.000 casi

  • Cancro al polmone, 27.500 casi
  • Cancro del colon-retto, 21.500 casi

tumori più comuni nelle donne:

  • Cancro al seno, 53.000 casi
  • Cancro del colon-retto, 19.000 casi
  • Cancro del polmone, 12.000 casi

Il cancro continua ad essere una principale causa di mortalità in Francia. Durante il periodo 2004-2008, rappresentava la prima causa della morte negli esseri umani con il 33% di tutte le morti maschili, e la seconda causa della mortalità nelle donne con il 24% di tutte le morti femminili. Il cancro del polmone è la principale causa di morte per cancro negli esseri umani, e nelle donne è il cancro al seno.

Nel 2011, la stima del numero di decessi del cancro. 147.500, inclusi 84.000 uomini e 63.000 donne .

Profili di incidenza e mortalità Molto variabile secondo i tumori

IMPATTO EVOLUZIONI:

  • L’incidenza del seno Il cancro è aumentato significativamente tra il 1980 e il 2005, ma ora sembrerebbe tentato di diminuire, grazie a uno screening in anticipo e sistematicamente
  • il rischio di avere un tumore alla prostata diagnosticato è in aumento, d’altra parte, Il rischio di morire di questo cancro è in declino
  • per il retto del cancro coloniale, le figure mostrano una tendenza a stabilizzare l’incidenza negli ultimi anni e un calo della mortalità
  • cancro del polmone, primo causa della morte del cancro in Francia e nel mondo, è in aumento NESSTANTE: la sua incidenza è triplicata negli ultimi 20 anni e la sua mortalità non ha smesso di salita. Una flessione della crescita dell’incidenza e di una diminuzione della mortalità del cancro del polmone è iniziata negli ultimi anni negli esseri umani, ma c’è un aumento delle donne.
  • Informazioni sul cancro. Della cervice, c’è stato un giunto Diminuzione di incidenza e mortalità negli ultimi 10 anni.
  • la pelle melanoma presenta il più grande aumento dell’incidenza tra il set di tumori. È anche uno dei rari tumori il cui tasso di incidenza è più alto nelle donne che negli umani. Le tendenze nell’evoluzione dell’incidenza e della mortalità negli ultimi anni sono piuttosto positive ma chiedono di essere confermate.
  • L’evoluzione dell’incidenza dei tumori delle corsie aerodigestivi (labbro, cavità orale, faringe, larynx) differisce in uomo e donna. Nell’uomo l’incidenza e la mortalità sarebbe diminuita mentre nelle donne, l’incidenza è in aumento.

Si riconosce che l’evoluzione generale dell’incidenza. I tumori in Francia sono collegati alla crescita demografica, L’invecchiamento della popolazione e lo sviluppo di capacità diagnostiche o di screening. Sono aumentate mostre a determinati fattori di rischio per il cancro, comportamentali o ambientali, possono probabilmente essere all’origine dell’aumento di questo impatto. Tra questi, il ruolo della nutrizione è ora riconosciuto.

alimento, un fattore ambientale essenziale 2

è riconosciuto che tra i fattori ambientali che possono contribuire allo sviluppo di un cancro, Il cibo è uno dei fattori su cui è possibile lavorare per aumentare la prevenzione primaria.

Tuttavia, la diversità e la complessità dei fattori dietetici che costituiscono una data dieta non permettono di elaborare una lista esauriente del legame tra cibo / nutriente e cancro.

Nessun studio isolato, qualunque sia la metodologia, è sufficiente per stabilire la causalità di una relazione tra un determinato fattore e il rischio di malattia. Ciò è particolarmente vero quando l’attuazione degli studi di intervento randomizzati controllati è impossibile (ad es. Studio di fattori deleteri, alimentazione complessa). La causalità è quindi stabilita sulla base di un fascio di argomenti e criteri. Sono necessari diversi tipi di studio, ogni tipo di studio con vantaggi e limiti. Solo la combinazione di dati epidemiologici (da studi di osservazione e / o intervento) e l’identificazione dei meccanismi plausibili consente di stabilire un collegamento causale, questo è chiamato approccio del portafoglio.

Le osservazioni fatte sui modelli cellulari, gli animali o negli esseri umani mostrano che molti fattori di nutrizione sono in grado di agire su corsie biologiche coinvolte nella carcinogenesi.

  • Gli effetti dei fattori nutrizionali partecipano a meccanismi potenzialmente protettivi o deleteri che modulano la carcinogenesi.
  • I fattori di nutrizione possono intervenire direttamente sulla cella (genoma, ciclo di vita), o tramite il metabolismo degli xenobiotici o il biochimico o ambiente ormonale della cellula, sia sull’angiogenesi o sulle difese immunitarie.
  • La relazione tra un fattore nutrizionale e il rischio di cancro negli esseri umani è a volte difficile da evidenziare negli studi di popolazione generale, a causa dell’interazione con altri fattori Come i polimorfismi genetici, l’attività di microbitata colica, lo stato della menopausica o l’esposizione del fattore Canc. erogeno (tabacco).
  • Quando esamina i dati disponibili per un determinato fattore (vitamina B9, β-carotene, vitamina E, ecc.), effetti ambivalenti che illustrano la complessità dell’interazione tra questi fattori nutrizionali e Lo sviluppo del cancro.

sovrappeso e aumento del rischio di cancro 3

La nozione in base al quale sovrappeso o l’obesità aumenta il rischio di determinati tumori è ampiamente accettato.

L’indagine prospettica europea in cancro e nutrizione (EPIC) ha valutato l’influenza del sovrappeso su vari tipi di cancro. Come parte di uno studio in 10 paesi europei su 520.000 persone di età compresa tra 50 e 64 anni, l’epica ha analizzato la relazione tra una serie di fattori (cibo, stato nutrizionale, stile di vita e ambiente) e l’incidenza del cancro e altre malattie croniche.

Nel complesso, i recenti studi hanno stabilito che quando l’indice di massa corporea (BMI) aumenta di 5 kg / m², la mortalità del cancro aumenta del 10%. Per gli uomini, un aumento di cinque punti di IMC è stato correlato con un rischio più elevato di contrarre diversi tipi di cancro:

  • adenocarcinoma esofageo (50% di rischio superiore )
  • Cancro della tiroide (33%)
  • Cancro del colon (25%)
  • Cancro del rene (25%)

I dati corrispondenti per le donne sono i seguenti:

  • Cancro endometriale (più alto rischio del 60%)
  • Gall Cancro della vescica (60 %)
  • esofageal adenocarcinoma (50%)
  • Cancro renale (34%)

La dentrizione dei pazienti con cancro, un problema da tenere in considerazione seriamente 4

una persona è Denudria quando c’è uno squilibrio prolungato tra contributi e spesa energetica. La denterrizione è tanto più grave poiché il peso iniziale è basso e la perdita di peso è veloce e importante.

Il cancro viene accompagnato, molto spesso, in particolare i tumori digestivi.

It Si stima che il 40-080% dei pazienti sia denuntris.5 la gravità della sottostruttura dipende dalla posizione del cancro, (ipofarynx, esofago, linguaggio …), la fase evolutiva, i trattamenti correnti. (Chemioterapia, radioterapia, chirurgia) , Caratteristiche del paziente (età, sesso, abitudini tossiche …). Le cause della sottostruzione durante il cancro sono quindi molteplici e devono essere ben identificate per prevenire o superarle.

  • Riduzione di Ingesta

– Anorexie, è spesso Grave e Multifactoriel:

> Modificazioni del gusto (che si verificano in circa 1/3 di pazienti), dell’odore, Secrezioni in salivary

> modifiche del sentimento di sazietà (specialmente nei tumori del sistema digestivo basso)

> Alcuni fattori (serotonina, triptofano) avrebbero un’azione diretta al sistema nervoso centrale (non dimostrato fino ad oggi)

– difficoltà alimentari orali:

> disfagia: Spesso Importante nelle ruote della sfera Orl o del tratto digestivo superiore

> nausea, vomito

– Malabsorbtion Digestivo:

> Secrezioni digestive insufficienti, atrofia della mucosa intestinale,

> Ostruzione meccanica dell’invasione del tumore

– Psicologico Fattori:

> ansia, depressione > apprensione, in caso di transito doloroso o diarrea

> ospedalizzazione, Modifica dei ritmi degli orari del pasto, delle abitudini alimentari, delle abitudini alimentari, della riduzione dell’attività fisica

  • metabolic Modifiche

– Con la riduzione dell’ingesta, rappresentano la causa principale della denuntrizione (contrariamente a ciò che si può osservare in altri situ malnutrizione). A causa dell’espansione del tumore, sfuggono ai meccanismi per la regolazione del corpo e riguardano:

> metabolismo glucid: aumentato aerobico: Glicolisi a livello di tumore, con, conseguenze, aumento della neogalucogenesi epatica e una riduzione della sensibilità dell’insulina

> metabolismo delle proteine: Ipercatabolismo della proteina globale e muscolare, aumento del fatturato proteico e del bilancio delle proteine e del bilancio dell’azoto

> metabolismo lipidico: mobilitazione delle riserve periferiche dei lipidi e aumento dell’ossidazione di acidi grassi

> i fattori umorali e infiammatori: è principalmente i mediatori della famiglia di citochine ( IL-1, IL-6, TNF-α) che sono stati incriminati, ma il loro ruolo esatto rimane scarsamente conosciuto; Più recentemente, nei pazienti con cancro, un peptidoglycan (24k), che avrebbe un’attività pulita sul catabolismo muscolare

– In totale, queste modifiche metaboliche competono con il cachexis neoplastico tavolo con riduzione del grasso, magro (massa per lo più muscoloso), ma a differenza degli stati di sottosuolo non cancro, la massa viscerale rimane relativamente conservata per molto tempo.

  • Spese di spesa energetica

– Il loro ruolo rimane controverso. Tuttavia, diversi argomenti indicano la loro responsabilità:

> L’aumento della spesa di base energetica rimane generalmente moderatamente moderata (+10 A + 25%), ma, per diversi mesi, questo aumento può sufficiente per squilibrare il bilanciamento tra (diminuito) e le spese aumentate

> “Resezione del tumore” (medico o chirurgico) si traduce in alcuni casi una fermata della perdita di peso.

  • gli effetti collaterali delle terapie carcinolitiche 6

– Chirurgia: porta a un leggero aumento della spesa energetica (ruolo di fattori infiammatori) e perdite di azoto; Inoltre, un intervento chirurgico digestivo pesante contribuirà a ridurre le capacità di assorbimento intestinale e l’immunosuperpressione che promuove infezioni nosocomiali.

– chemioterapia: la distruzione delle cellule di rinnovamento rapido, risultante dagli agenti citotossici, è la causa principale dei loro effetti collaterali: immunosupressione (fonte di infezioni e infezioni e di ipercatabolismo), muciti e erosioni digestivi, che causano disfagia, vomito, dolore o diarrea (perdita idro-elettrolitica, più raramente con il malabsorbimento). Infine, qualche enorme chemioterapia con innesti cellulari ematopoietiche è una fonte di un ipercatabolismo significativo.

– Radioterapia: I suoi effetti sulle strutture sensoriali e secretory del più alto tratto digestivo, causare attacchi di gusto e odore, carenze salivari, micosi. A livello addominale, i suoi effetti sono i vicini o possono potenziare quelli della chemioterapia, ma possono essere attenuati da misure preventive (dividendo le dosi, la protezione dell’intestino contro le radiazioni).

– Altro: l’immunoterapia è una fonte frequente di infezioni secondarie e ipercatabolismo; I corticosteroidi causano intolleranza al glucosio, perdite di proteine e ritenzione idroseata; Morphins, nausea e stitichezza.

Come valutare la sottostruzione in un paziente di cancro? 6

Antropometria

Il peso: in valore assoluto, ha poco interesse. D’altra parte, è importante apprezzare la perdita di peso: ha un orgoglioso valore unquisito nel cancro, quando è superiore al 10% in pochi mesi.

  • Peso corrente: peso misurato del paziente durante il soggiorno o la consultazione
  • Peso della forma o peso abituale: peso del paziente prima della malattia responsabile della sottostruzione
  • Ideale Peso teorico: ha un piccolo interesse, è calcolato secondo la formula di Lorentz e potrebbe servire per alcuni, del solito peso di riferimento se è sconosciuto.
  • perdita di peso = (peso a forma di peso – peso corrente) x 100 / Peso della forma

È importante tenere conto della perdita di peso in modo dinamico. Per questo, i valori proposti da Blackburn et al.

Denteristica significativa

Denistridge severo

tempo

perdita di peso

(in% del peso abituale)

1 settimana

1 mese

3 mesi

6 mesi

da 1 a 2%

5%

7.5%

10%

2%

5%

7,5%

> 10%

Il BMI: La sottostruzione è moderata per valori da 60 all’80% dei valori ideali e Grave al di sotto del 60%.

La misurazione della piega cutanea e il perimetro brachiale non sono riproducibili, ma possono servire come criteri di follow-up nello stesso paziente a lungo termine.

Valutazione dei disturbi digestivi

Si consiglia di utilizzare le scale di tossicità dei trattamenti antitumorali. Ciò rende possibile standardizzare l’apprezzamento del grado di gravità.

Chi classifica per disturbi digestivi

Grado 1

Grado 2

Grado 3

Grado 4

Grado 5

nausea

Vomito

assenza

nausea

vomito transiente

vomito che richiede un trattamento antiemetico

vomito incoolst

Diarrea

transient

< 2 giorni

(da 3 a 4 sgabelli / j)

tollerabile

> 2 giorni

td:

incoolest o hemorhagia disidratazione

Esame clinico

  • Esame orale: Stato Dental, cerca mucite, ulcerazioni, micosi, lesioni gengivo-dentali …
  • Capacità funzionali del paziente: Autonomia alimentare, deglutizione, handicap e disabilità visive
  • Ricerca di edema ( caviglie, creste tibiali anteriori o sacriose)
  • Esame della pelle e dell’unghia (segni di cognitrici micronutrienti o anemia)

Valutazione dell’assunzione di cibo

Vari strumenti, alcuni dei quali sotto forma di software, consentono di calcolare la razione di proteine-energia:

  • il richiamo di 24 ore Fornitura: il dietologo ricostruisce l’assunzione di cibo del paziente dalla sua descrizione delle ultime 24 ore
  • L’agenda alimentare: un metodo prospettico per diversi giorni, della raccolta di dati di test alimentari con porzioni o peso del cibo stimativo e talvolta la determinazione della pesatura. Metodo più accurato come la collezione 24 ore su 24.

punteggi clinici nutrizionali

3 strumenti consentono di rilevare e valutare la sottostruzione:

  • L’indice di DEK o Valutazione soggettiva completa: apprezza il grado di denuntrizione sull’intensità della perdita di peso, la gravità dei segni digestivi e le cliniche della dentenzione, l’alterazione funzionale e gli associati un concetto di intensità di Possibile stress metabolico. Permette all’esaminatore di soggetto, soggettivamente il grado di denuntrizione del paziente.
  • Il punteggio di autovalutazione della nutrizione globale soggettiva (segnato PG-SGA): derivato dal precedente e adottato come standard negli Stati Uniti per La valutazione degli Stati Uniti dei pazienti con cancro in quanto limita la soggettività dell’esaminatore.
  • L’MNA, che è stato convalidato in materie di 65 anni. Nota su 30 punti, include un’indagine dietetica, una valutazione generale, una valutazione soggettiva dell’argomento dei suoi indici sanitari e antropometrici.

Accanto a queste scale di valutazione, esistono scale pronostiche, Utilizzando valutazioni cliniche e biologiche: questi indici sono usati, in caso di intervento chirurgico, per decidere sulla desiderabilità della nutrizione parenterale, ma più indici di rischio rispetto agli indici nutrizionali.

Dati organici

  • Prealbumina (o transthyyretine) Valore normale = 310 ± 35 mg / l: una metà vita più corta dell’albumina, rappresenta un indicatore inferiore della sottostruzione proteica viscerale (Denterminazione moderata di 100 a 200 mg / l, grave sotto 100 mg / l)
  • transferrin, valore normale = 2, 8 ± 0,3 g / l: mediocre indicatore in carcologia se presa isolamento, perché influenzato da anemia o sindromi infiammatorie
  • Il valore normale della RBP (VECTRAL Retinol Protein) = 62 ± 7 mg / l: marcatore anticipato di Renutrizione, ma anche mediocre se assunto da solo, perché influenzato da insufficienza renale o sindromi infiammatorie

Explorations funzionale e strumentale

  • Funzione muscolare: non diffusa ma il più utilizzabile nella pratica corrente (coppia, elettrostimolazione, esplorazione dei resistenti respiratorici e tariffe )
  • impedancemetria: solo metodo disponibile facilmente per la valutazione dei diversi compartimenti del corpo; Il metodo più comunemente usato per apprezzare il rapporto di massa grasso / magro e un possibile aumento del settore interstiziale
  • calorimetria: calcolo della calorimetria indiretta spesa energetica.

per saperne di più

  • nidle sanitaria scienza francese
  • Nestlé Nutrition Institut and Nutrition and Diretion Management / Critical, Chirurgia e assistenza in oncologia

Fonti

  1. National Cancer Institute . Osservazione dei tumori. La situazione del cancro in Francia nel 2011. Ottobre 2011.
  2. ANSES. Nutrizione e cancro. Rapporto di competenza collettiva. Edizione scientifica. Maggio 2011.
  3. chi. Prevenzione delle malattie. Il cancro e la povera dieta vanno di pari passo. Febbraio 2011. Disponibile sul sito: http://www.euro.who.int/fr/what-we-do/health-topics/noncommunicable-diseases/cancer/news/news/2011/3/cancer-linked-with-poor-nutrition
  4. inra. NACRE NETWORK. Prevenire l’infermierazione durante il cancro e il suo trattamento. Disponibile sul sito: http://www.inra.fr/nacre/pendant_le_cancer/prevenir_la_denutrition_au_cours_du_cancer_et_son_traitement.
  5. Hébutan X et al. Prevalenza della Undernutrizione durante il cancro: un sondaggio nazionale un giorno. Nutrin Clin Metabol 2006; 20: S86.
  6. Federazione nazionale dei centri di controllo del cancro. Buone pratiche dietetiche nel cancro: dnutrizione e valutazione nutrizionale. Metabol NUTNNIAL 2002; 16: 97-124.

Altre fonti generali

  • Bruera E. Gestione clinica dell’anoressia e della cachessia in pazienti con cancro avanzato. Oncologia, 1992; 3: 35-42.
  • Dewys WD. Anoressia come effetto generale del cancro. Cancro 1979; 43: 2013-2019.
  • Nitenberg G, Raynard B e Antoun S. Physieopatology of Cancer Cachexia. In: Trattato nutrizionale artificiale dell’adulto, leva x., Cosnes J., Erny P. e Hasselmann M., Eds. Parigi: Mariette Guéna, 1998: 665-671.
  • Tisdale MJ et al. Fattori catabolici nella cachessia del cancro. In vivo, 1996; 10: 131-136.
  • heymsfield sb et al. Componenti della perdita di peso nei pazienti con cancro: un nuovo metodo di studio e osservazioni preliminari. Cancro, 1985; 55: 238-249.
  • freddix e w et al. Effetto dei diversi tipi di tumore sul dispendio energetico a riposo. Cancro Res, 1991; 51: 6138-6141.
  • Balled P Et al. La perioperatoria nutrizione artificiale dell’adulto. Sfnep ed. Parigi, 1998: 693-704.
  • Chamouard c et al. Spesa energetica durante il trapianto di midollo osseo allogenico e autologo. Clinistro, 1998, 17: 253-257.
  • letSCChert JG. La prevenzione delle piccole complicazioni intestinali indotte dalla radiazione. EUR J Cancer 1995; 1361-1365.
  • Dewyswd et al. Parametri clinici relativi a anoressia. Rep Rep del Trucco del cancro 1981; 65: 49-52.
  • deeg hj et al. Impatto del peso del paziente sulla mortalità non ricaduta dopo il trapianto di midollo. Trapianto del midollo osseo 1995; 15: 461-468.
  • Dewys WD et al. L’impatto della malnutrizione sul trattamento comporta il cancro al seno. Rep Rep del Trucco del cancro 1981; 65: 87-91.
  • Klein S et al. Supporto nutrizionale nella pratica clinica: revisione dei dati pubblicati e delle raccomandazioni per le direzioni di ricerca future. Riassunto di una conferenza sponsorizzata dal National Institutes of Health, dalla società americana per la nutrizione parenterale e enternale e la società americana per la nutrizione clinica. Am J Clinc Cutr 1997; 66: 683-706.
  • Lopez mj et al. Supporto nutrizionale e prognosi in pazienti con cancro della testa e del collo. J Slim Oncol 1994; 55: 33-36.
  • Blackburn Gl et al. Valutazione nutrizionale e metabolica del paziente ricoverato ospedalizzato. J genitore enterial nutrol 1977; 1: 11-22.
  • Melchior JC et al. La valutazione dello stato nutrizionale dell’adulto. SFNep Ed Paris 1998: 415-432.
  • Bachmann P, Gordiani B, Ranchere J et al. Valutazione dell’indicazione e della qualità della gestione nutrizionale nel cancro medico. Metabol nutromatico 1998; 12: 3-11.
  • Park kg et al. Stimolazione dei tumori mammari umani mediante la l-arginina alimentare. Clin SCI (COLCH) 1992; 82: 413-417.
  • Gogos Ca et al. Acidi di grassi poliunsaturati di omega-3 dietetici Più Vitamina E Ripristina l’immunodeficienza e la sopravvivenza prolungata per i pazienti severa malati con malignità generalizzata: un processo di controllo randomizzato. Cancro 1998; 82: 395-402.
  • Desports JC et al. Standard, opzioni e raccomandazioni (SOR) per l’uso di farmaci ortexigenici nel cancro. Bull Cancer 2000; 87: 315-328.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *